Gallarate, sacrestano vittima di un’aggressione razzista: “Mi ha colpito perché sono nero”

Di Madi Ferrucci
Pubblicato il 19 Ago. 2019 alle 13:03 Aggiornato il 11 Set. 2019 alle 02:21
0
Immagine di copertina
Credits: Facebook/ Deodatus Nduwimana

Varese, sacrestano vittima aggressione razzista

Il sacrestano di Gallarate, in provincia di Varese ha subito un’aggressione razzista fuori dalla Basilica di Santa Maria Assunta dove da oltre venti anni esercita il suo ruolo di religioso. L’attacco è avvenuto in pieno giorno e il sacrestano Deodatus Nduwimana pensa che il suo aggressore si sia arrabbiato con lui per il colore della pelle: “Mi ha colpito perché sono nero”, ha dichiarato a Varesenews.

“Stavo andando ad aprire la basilica, lui era lì come sempre e mi ha spinto dopo avermi insultato. Ho paura per la mia vita. Questa persona è sempre in piazza, è un nullafacente e mi ha preso di mira”, ha aggiunto.

Il sacrestano ha anche spiegato che questa non è la prima volta che viene insultato dall’uomo: “Questa persona è sempre in piazza, è un nullafacente e so che mi ha preso di mira. Quell’uomo mi aveva già insultato altre volte”, ha precisato.

Dopo essere stato colpito Nduwimana si è recato in ospedale, dove gli è stata riscontrata una lussazione alla spalla. Il sacrestano ha annunciato che presenterà una denuncia, il suo aggressore ha infatti già dei precedenti e il Nduwimana non intende rimanere in silenzio. “Domani andrò a denunciare l’aggressione perché adesso ho davvero paura”, ha dichiarato. Il religioso si trova in Italia dal ’93 e da oltre 4 anni ha ottenuto la cittadinanza italiana. Stando alle sue dichiarazioni, aveva già subito un’aggressione fisica nel 2017 da parte di un 50enne.

“Negro di me**a” , poi calci e pugni: 17enne denuncia aggressione razzista a Ostia

Chioggia, stabilimento balneare chiuso per violenze e razzismo La Questura di Venezia ha sospeso la licenza alla spiaggia perché si è macchiata di episodi di razzismo

Napoli, ambulante preso a sassate da dieci ragazzini: volto frantumato e condizioni gravi La polizia è alla ricerca del branco di minorenni

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.