Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 17:14
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

Viveva in auto da 70 giorni: imprenditore gli trova una casa e lo assume come cuoco

Immagine di copertina

Vittorio ha quasi 60 anni e da ben 70 giorni era costretto a dormire in macchina. A causa della crisi dovuta alla pandemia l’uomo aveva perso il lavoro e la possibilità di pagare l’affitto di casa a Latina. Ma la triste storia ha un lieto fine: grazie a un imprenditore locale e a una rete di solidarietà Vittorio adesso ha di nuovo una casa e un’occupazione.

L’imprenditore in questione è Erasmo Berti, un ristoratore filantropo, tra le persone che si sono mobilitate per aiutare i bisognosi nella crisi post lockdown. Erasmo è titolare de ‘Il Bivio’, un piccolo bistrot di Latina e ha creato una rete solidale partendo proprio dalla sua città e dal quartiere in cui è nato, mobilitandosi per tre persone rimaste senza lavoro e senza casa, aiutandole a trovare un posto dove andare. Proprio come è successo con Vittorio.

“Sono venuto a conoscenza della sua situazione quando ho iniziato a fare le consegne a domicilio e ho voluto conoscerlo personalmente”, ha raccontato Erasmo. È stato allora che ha deciso di lanciare un appello per aiutarlo, registrandolo e pubblicandolo sui social network. Un video che ha attirato l’attenzione di tantissimi utenti e nel giro di poche ore Vittorio ha trovato casa, grazie alla generosità delle persone, che hanno messo a disposizione le proprie abitazioni per accoglierlo. E subito dopo è arrivato anche il lavoro: “Lo abbiamo inserito all’interno del nostro staff – ha detto l’imprenditore – e ad oggi lavora con noi alcuni giorni della settimana”.

Quella di Vittorio è di fatto una delle tante storie di italiani che si trovano in difficoltà: lavoratori in nero, a cottimo o a progetto, che con la pandemia hanno perso tutto. Ma quando la solidarietà è più forte della crisi, si possono superare anche momenti bui come questo.

Leggi anche: 1. Lavoro, nel 2019 dimissioni per 51mila neo-genitori: 37mila mamme e 14mila papà 2. Smart working frontiera del futuro? Forse, ma a danno di migliaia di aziende (e di lavoratori)

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Monza, cade dal monopattino e finisce in coma: un passante gli ruba il mezzo e scappa
Cronaca / De Luca dice no al mix di vaccini e si scaglia contro il governo: "Serve chiarezza"
Cronaca / Piacenza, resta impigliata in una pompa agricola: grave una lavoratrice 26enne
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Monza, cade dal monopattino e finisce in coma: un passante gli ruba il mezzo e scappa
Cronaca / De Luca dice no al mix di vaccini e si scaglia contro il governo: "Serve chiarezza"
Cronaca / Piacenza, resta impigliata in una pompa agricola: grave una lavoratrice 26enne
Cronaca / Gimbe: “Fino a quando Aifa non modifica i bugiardini, il mix di vaccini non è approvato”
Cronaca / 54enne muore per trombosi a 12 giorni dalla vaccinazione: aperta indagine per omicidio colposo
Cronaca / Milano, caso di variante “delta” in palestra: il contagiato aveva già completato il ciclo vaccinale
Cronaca / L’aggressione alla madre, un Tso e le segnalazioni dei vicini: chi era il killer di Ardea
Cronaca / Ardea, il killer "aveva già sparato altre volte". Ma nessuno aveva denunciato
Cronaca / Ventimiglia, uccide la ex in strada sparandole in auto. Il messaggio su Fb: “Non puoi nasconderti”
Cronaca / Barillari (ex M5s) su Eriksen: “Cadono come mosche per i vaccini”. Ma il danese non è vaccinato