Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 17:39
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cronaca

Un altro ragazzo morto durante uno stage, la rivolta degli studenti: “Non perdoneremo”

Immagine di copertina
Credit: Antonio Melita/Pacific Press via ZUMA Press Wire

Un altro ragazzo morto durante uno stage, la rivolta degli studenti: “Non perdoneremo”

Un altro studente ieri ha perso la vita in un incidente avvenuto durante uno stage aziendale, dopo le proteste delle ultime settimane per la morte di Lorenzo Parelli. Il 16enne Giuseppe Lenoci è stato coinvolto in un incidente stradale mentre si trovava a bordo di un furgone di una ditta di termo-idraulica presso cui stava svolgendo un apprendistato, in provincia di Ancona. Il mezzo è finito fuori strada e si è scontrato contro un albero, uccidendolo sul colpo, mentre il conducente è stato sbalzato via dall’abitacolo. Il 37enne è stato trasportato dai soccorritori all’ospedale di Torrette di Ancona in gravi condizioni. Lo studente era iscritto al corso triennale presso il centro di formazione professionale Artigianelli di Fermo e stava svolgendo un percorso in termoidraulica.

L’incidente ha suscitato la protesta immediata degli studenti scesi in strada dopo la morte del 18enne Lorenzo Parelli, ucciso da una trave durante uno stage in provincia di Udine tre settimane fa. “Non dimenticheremo e non perdoneremo”, hanno detto gli studenti dell’Opposizione studentesca d’alternativa (Osa), che hanno chiesto le dimissioni del ministro dell’Istruzione Patrizio Bianchi e l’abolizione immediata dei Percorsi per le competenze trasversali e l’orientamento (Pcto), l’attuale nome dell’alternanza scuola lavoro. “Gli studenti sono pronti a riversarsi nelle strade delle città di tutta Italia il 18 febbraio”, hanno dichiarato.

“Esprimo il mio più profondo dolore e vicinanza alla famiglia”, ha detto Bianchi, che quando appreso la notizia ha lasciato in anticipo un convegno a cui stava partecipando. “La sicurezza sul lavoro deve essere sempre garantita, a maggior ragione quando sono coinvolti dei ragazzi in formazione. Su questo abbiamo già avviato un confronto con il ministro del Lavoro Orlando e messo a ragionare i nostri tecnici”, ha detto il ministro. “Credo sia urgente ritrovarci anche insieme alle regioni per un percorso che porti a una maggiore sicurezza in tutti i percorsi di formazione dove sono previsti contatti dei nostri giovani con il mondo del lavoro”.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Elena Cecchettin ricorda Giulia: “Un mese senza di te, mi manchi”
Cronaca / Papa Francesco: “In Italia cagnolini al posto dei figli, la denatalità mi preoccupa”
Cronaca / Milano, operaio di 28 anni muore schiacciato dal carico di una gru
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Elena Cecchettin ricorda Giulia: “Un mese senza di te, mi manchi”
Cronaca / Papa Francesco: “In Italia cagnolini al posto dei figli, la denatalità mi preoccupa”
Cronaca / Milano, operaio di 28 anni muore schiacciato dal carico di una gru
Cronaca / Picchia la compagna in albergo e cerca di soffocarla con un cuscino: arrestato 39enne
Cronaca / Scuola, al via i concorsi per l’assunzione di 30mila docenti. Chi può accedere, come funzionano le prove
Cronaca / Scontro tra treni sulla Bologna-Rimini: tamponamento tra Frecciarossa e regionale, 17 passeggeri feriti
Cronaca / Gino Cecchettin da Fazio: “Mi sono chiesto anche io se avessi sbagliato. Ora le battaglie femministe di mia figlia Elena sono anche le mie”
Cronaca / Papa Francesco: “Per i diritti umani c’è ancora molto da fare, a volte purtroppo si torna indietro”
Cronaca / Insulti social a Gino Cecchettin, il suo avvocato: “Ora basta, presentate querele”
Cronaca / Tre suicidi in 28 giorni nel carcere di Montorio dove è detenuto anche Turetta