Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 15:34
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cronaca

Umberto e Greta, in 100mila chiedono che omicidio nautico venga equiparato a quello stradale: boom di firme affinché sia fatta giustizia

Immagine di copertina

Ha sfondato  la soglia delle 100mila firme la petizione lanciata sulla piattaforma Change.org 3 settimane fa da Rossana Seccabiani, a seguito della morte di Umberto Garzarella e Greta Nedrotti, per chiedere che sia fatta giustizia per i ragazzi tramite l’equiparazione dell’omicidio naturico a quello stradale: “come gli automobilisti, anche i diportisti al timone di unità a motore che, sotto l’effetto di alcool o sostanze stupefacenti, causino la morte di una persona devono essere puniti con pene sensibilmente maggiori a quelle previste per l’omicidio colposo”, spiega il testo dell’appello online.

Quando sono morti, racconta l’autrice della campagna, i due ragazzi “erano in barca a Salò, di sera, come tante persone  al lago di Garda e in tutti i laghi e mari italiani. Erano tranquilli e si godevano la serata estiva e mai avrebbero pensato che un motoscafo potesse letteralmente passargli sopra uccidendo Umberto sul colpo e sbalzando Greta in acqua, provocandole numerose fratture e causandone la morte per annegamento”.

Il testo ricorda anche che “i due tedeschi alla guida – Patrick Kassen e Christian Teismann – non si sarebbero nemmeno fermati a prestargli soccorso, ma sarebbero invece andati a bersi una birra subito dopo l’incidente come se nulla fosse accaduto. Greta AVREBBE POTUTO ESSERE SALVATA, invece è  stata lasciata a morire”.

Per questo, “noi chiediamo giustizia per Greta e Umberto” scrive Rossana a nome di tutti i firmatari: “chiediamo di equiparare le norme della navigazione a quelle previste per la strada ORA e che queste due persone vengano ENTRAMBE arrestate e si faccia chiarezza sull’accaduto”.

[Vogliamo] “tornare a goderci le serate estive in barca senza il timore di essere uccisi da individui che senza nessun rispetto per le regole e la vita si mettono alla guida di imbarcazioni potenti e le lanciano a tutta velocità infischiandosene delle conseguenze delle loro azioni”, conclude. “Perché Umberto e Greta siamo tutti noi, tutte le persone che amano i nostri laghi e i  nostri mari e ora piangono due giovani vite e una giustizia che non si vede.”

La promotrice specifica che “sappiamo che se la nuova legge che chiediamo con questa petizione verrà approvata non sarà retroattiva, anche se noi vorremmo che lo fosse; vorremmo che sia Patrick Kassen che Christian Teismann fossero condannati alla stessa pena prevista per omicidio stradale e omissione di soccorso. Quasi sicuramente questo non sarà possibile e questi due individui saranno giudicati secondo le leggi nautiche vigenti al momento del fatto. Ma vogliamo che siano perlomeno condannati ENTRAMBI a scontare in carcere il massimo della pena, considerando tutte le circostanze aggravanti, per il comportamento inclassificabile che ENTRAMBI hanno avuto sia prima che dopo l’incidente, per avere qualcosa che si possa definire giustizia per Umberto e Greta.”

LINK ALLA PETIZIONE: https://www.change.org/p/giustizia-per-umberto-e-greta-vogliamo-che-omicidio-nautico-e-stradale-siano-equiparati

Ti potrebbe interessare
Cronaca / La Prefettura di Bologna mette sotto vigilanza Elly Schlein dopo l’attentato alla sorella
Cronaca / Perseguita il sacerdote, 62enne rischia processo per stalking
Cronaca / Covid, in chiesa tornano il segno della pace e le acquasantiere: le nuove regole della Cei
Ti potrebbe interessare
Cronaca / La Prefettura di Bologna mette sotto vigilanza Elly Schlein dopo l’attentato alla sorella
Cronaca / Perseguita il sacerdote, 62enne rischia processo per stalking
Cronaca / Covid, in chiesa tornano il segno della pace e le acquasantiere: le nuove regole della Cei
Cronaca / Maurizio Costanzo condannato a un anno: diffamò il gip del caso Gessica Notaro
Cronaca / Auto fuori strada in Umbria, quattro giovani morti
Cronaca / Il tribunale di Roma: “Gli immobili dei tedeschi vanno pignorati per risarcire le vittime del nazismo”
Cronaca / Maria Giovanna Maglie ricoverata: “Sono in ospedale da due mesi, fatemi gli auguri”
Cronaca / Napoli, 13enne disabile picchiata da un gruppo di coetanei per un like a un ragazzo
Cronaca / Individuato il camionista che ha investito Davide Rebellin
Cronaca / “I pediatri hanno troppi pazienti”: coppia non riesce a far visitare il figlio di 20 mesi con la febbre alta per una settimana