Rider sfruttati, Uber Italia commissariata dal tribunale: “È caporalato”

Di Giulia Angeletti
Pubblicato il 29 Mag. 2020 alle 18:00 Aggiornato il 29 Mag. 2020 alle 18:18
113
Immagine di copertina

Uber Italy commissariata per caporalato. Questa la decisione della Sezione misure di prevenzione del Tribunale di Milano, la quale ha disposto l’amministrazione giudiziaria per Uber Italy srl, filiale italiana del gruppo americano, per via dello sfruttamento dei rider addetti alle consegne di cibo per il servizio Uber Eats.

Il gruppo di noleggio auto detiene infatti anche la app Uber Eats, la quale permette di ordinare cibo a domicilio, e il Tribunale di Milano ha raccolto alcuni elementi che proverebbero lo sfruttamento dei lavoratori che gestiscono il servizio di consegna. Attualmente sono in corso le indagini e la misura si trova in esecuzione da parte del Nucleo di polizia economico finanziaria della Guardia di finanza di Milano, coordinato dal pm Paolo Storari e dal procuratore aggiunto Alessandra Dolci.

Leggi anche: 1. Coronavirus, la Fondazione Gimbe: “Ragionevole sospetto che Lombardia aggiusti dati” / 2. L’appello degli italiani rimasti bloccati all’estero: “Farnesina dove sei? Riportaci a casa” | VIDEO / 3. Milano, 18enne con polmoni “bruciati” dal Covid: salvato da un trapianto unico in Europa

4. L’immunologo Mantovani: “A cosa servono davvero i test sierologici” / 5. Ats Milano invia (per sbaglio) un sms ad alcune persone comunicando loro una presunta positività al Coronavirus. Poi chiede scusa: “Errore informatico” / 6. Il farmacologo Silvio Garattini: “Il vaccino per il Coronavirus si troverà, ma l’Italia rischia di rimanere senza”

TUTTE LE ULTIME NOTIZIE SUL CORONAVIRUS IN ITALIA E NEL MONDO

113
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.