Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 16:39
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

Milano, sequestrate le mascherine U-Mask: indagine sulla capacità di filtraggio

Immagine di copertina
Credits: Instagram

La procura ha disposto il sequestro in dieci farmacie e nella sede della società delle celebri mascherine utilizzate da influencer e personaggi dello spettacolo per analizzare la loro capacità di filtraggio. Indagato l'amministratore italiano. Striscia la Notizia: "Le U-Mask filtrerebbero meno di quelle da 50 centesimi e costano pure 35 euro"

Milano, sequestrate mascherine U-Mask

La Procura di Milano ha disposto il sequestro in dieci farmacie milanesi e nella sede della società di 15 mascherine U-Mask complete di filtro e di 5 filtri per effettuare le analisi sulla loro effettiva capacità di filtraggio e se conforme a quanto dichiarato dall’azienda. L’inchiesta coordinata dai procuratori aggiunti Tiziana Siciliano ed Eugenio Fusco è stata affidata alla Polizia locale e alla polizia giudiziaria del dipartimento Salute, Ambiente e Lavoro. Nell’indagine nata da un esposto di una ditta concorrente, è indagata per frode nell’esercizio del commercio l’amministratore della filiale italiana della società.

Striscia la Notizia: “Le U-Mask costano 35 euro e filtrerebbero meno di quelle da 50 centesimi”

Anche Striscia la Notizia, tg satirico di Antonio Ricci, si è occupato delle celebri mascherine U-Mask e, nel servizio di questa sera, rivela i test a campione eseguiti. Moreno Morello spiega: “Abbiamo notato da subito che la procedura di validazione dell’Istituto Superiore di Sanità, che dovrebbe essere elemento di tranquillità per tutti, induce le persone a credere che l’Istituto controlli anche l’efficacia dei dispositivi, invece si limita a un semplice controllo documentale. La stessa percezione errata si ingenera con la marcatura CE (l’alternativa alla validazione dell’ISS) perché in sostanza sono i produttori stessi a marcare come CE le mascherine, facendo in proprio dei test senza che nessuno ne controlli il risultato e dunque dichiarandone la conformità. E i test a campione che abbiamo fatto hanno dimostrato che circolano troppe mascherine non a norma”.

Questa sera Morello si occupa della U-Mask, “la prima mascherina biotech, riutilizzabile fino a 200 ore di utilizzo effettivo”, secondo il claim dell’azienda. Tutto regolare Morello? “Distribuita in 121 Paesi del mondo, la U-Mask è stata adottata da diverse federazioni sportive, in Formula 1 ce l’hanno Ferrari, Mercedes e McLaren, serve tantissime aziende, in Parlamento è diffusissima, la indossano Chiara Ferragni e Fedez, si trova negli shop di grandi marchi automobilistici, dicono che ha una molecola che distrugge i batteri. Insomma i consumatori hanno la percezione di avere su naso e bocca una protezione superiore rispetto a quella garantita dalle chirurgiche, ma i test — fatti in più laboratori qualificati — rivelano che siamo sotto di svariati punti. Insomma le U-Mask filtrerebbero meno di quelle da 50 centesimi e costano pure 35 euro“.

Morello nel servizio in onda questa sera su Canale 5 rivela anche come vengono esaminate: “Secondo l’azienda che le produce la mascherina — considerata la particolare struttura e conformazione — non si potrebbe testare con i metodi tradizionali, così è stata esaminata con un loro metodo, innovativo e personale. Peccato che il metodo andrebbe validato”. Insomma le producono, le fanno testare autonomamente e ne dichiarano la conformità sotto la propria responsabilità. “Una procedura prevista dalla legge, ma che può prestare il fianco a errori, omissioni o furbizie da parte dei produttori, e che forse andrebbe rivista”.

“L’approccio a un argomento cosi delicato come la prevenzione e la sicurezza dovrebbe essere più rigoroso. Perché così si apre la strada ad aziende superficiali — e in certi casi in malafede — che possono mettere in commercio mascherine con marcatura CE che non ne avrebbero i requisiti. È un atteggiamento pericoloso perché per questo tipo di dispositivi (non così per i dispositivi di protezione individuale dove il marchio CE è seguito da 4 cifre dell’Organismo Notificato che li ha vagliati, precisa il Corriere) il consumatore vede il marchio CE e pensa che dietro ci sia stato un controllo accurato da parte di un soggetto terzo. Invece purtroppo non è così, ci stiamo fidando di quanto il produttore ha dichiarato, sperando che nei propri cassetti abbia davvero tutti i test report e i documenti che le norme richiedono prima di immettere in commercio un dispositivo medico”, spiega Striscia la Notizia.

U-Mask: “Certi che le indagini chiariranno la trasparenza del nostro operato”

Per dovere di cronaca riportiamo la nota stampa inviata da U-Mask: “Confermiamo che questa mattina su richiesta della Procura della Repubblica di Milano è stata svolta un’acquisizione documentale sul nostro prodotto U-Mask. Abbiamo collaborato attivamente con gli inquirenti, fornendo tutta la documentazione richiesta. Ribadiamo che il prodotto U-Mask rispetta pienamente le norme e le leggi in materia. Tutta la documentazione tecnica relativa ai nostri dispositivi è stata a suo tempo inviata – come prescritto dalla legge – alle Autorità competenti (Ministero della Salute) che, preso atto della correttezza della documentazione accompagnatoria e delle prove tecniche effettuate, ne ha disposto l’approvazione e la registrazione come dispositivi medici di classe uno. Siamo certi che le indagini in corso chiariranno la trasparenza del nostro operato”.

Leggi anche: 1. Dopo l’inchiesta di TPI Poste Italiane consegnerà ai lavoratori una mascherina nuova al giorno (di Giuliana Sias); // 2.  Esclusivo TPI: La circolare interna di Poste Italiane: “Usate la stessa mascherina per 3 giorni”. Ma durano al massimo 8 ore (di Giuliana Sias)

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Referendum contro il green pass, parte la raccolta firme
Cronaca / Green Pass all’aeroporto di Roma Fiumicino? I controlli con il QR code sono un miraggio: VIDEO
Cronaca / Bambino di 4 anni caduto dal balcone a Napoli. In un video diceva: “Ti butto giù”
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Referendum contro il green pass, parte la raccolta firme
Cronaca / Green Pass all’aeroporto di Roma Fiumicino? I controlli con il QR code sono un miraggio: VIDEO
Cronaca / Bambino di 4 anni caduto dal balcone a Napoli. In un video diceva: “Ti butto giù”
Cronaca / Vola in Moldavia per la fecondazione assistita: 30enne di Chivasso muore dopo l’intervento
Cronaca / Cinema, stadi e teatri all’80% e deroghe al metro di distanza: le ipotesi del Governo per il nuovo decreto
Cronaca / Parte la marcia per Patrick Zaki: “Draghi si muova e gli conferisca la cittadinanza italiana”
Cronaca / Maratona di Roma 2021: le strade chiuse e deviate per l’evento
Cronaca / Milano, il candidato del centrodestra Bernardo si sfoga con gli alleati: “Finanziate la campagna o mi ritiro”
Cronaca / Gkn, oltre 20.000 persone partecipano alla manifestazione contro i licenziamenti a Firenze
Cronaca / Ennesima tragedia sul lavoro in Toscana: operaio muore schiacciato da un rullo