Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 08:01
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

Ma allora non era tutta colpa di Azzolina: ecco tutti i flop sulla scuola del Governo dei Migliori

Immagine di copertina
Credit: Emanuele Fucecchi

Manca meno di un mese e mezzo alla riapertura delle scuole – tempi che tradotti in termini organizzativi sono davvero esigui – e l’Italia si trova ad affrontare il terzo anno scolastico all’epoca del Covid con lo spettro della Dad che aleggia minaccioso.

Gli studenti italiani hanno pagato un prezzo molto alto in questa pandemia, scontando gli effetti della didattica a distanza che – in alcune zone più che in altre – si è rivelata fallimentare mettendo in luce le criticità di un sistema ancora troppo arretrato per le esigenze del Paese.

Rispetto al 2020, i problemi che si affacciano sul limitare del nuovo anno scolastico sono pressoché i medesimi, fatta eccezione per la questione vaccini: decisamente nuova ma del tutto irrisolta. Il cosiddetto “Governo dei Migliori” sembra non aver trovato soluzione per alcune criticità che rendono il ritorno tra i banchi l’ennesimo salto nel buio dei contagi. Restano le “classi-pollaio” che rendono impraticabile il distanziamento, resta l’impossibilità di avere un corpo insegnanti in numero adeguato rispetto agli alunni, resta il nodo dei trasporti, il vero veicolo di trasmissione del virus nei tragitti casa-scuola. In più, va considerato che se i vaccini dovevano rappresentare il vero sblocco-scuola, anche lì la situazione stagna.

Il nodo vaccini

Parte del personale scolastico (il 15%, 220 mila persone) non ha ricevuto nemmeno una dose di vaccino anche a causa dei pasticci combinati con Astrazeneca e anche la vaccinazione degli studenti dai 12 ai 19 anni – che per il commissario all’emergenza Francesco Figliuolo dovevano avere la “priorità” – latita. Un’urgenza scoperta piuttosto in ritardo: il fatto che i vaccini siano “importanti per il ritorno in classe” era noto anche sette mesi fa.

L’Associazione nazionale presidi, dopo avere proposto, finora inutilmente, l’obbligatorietà a scuola, denuncia il ritardo delle inoculazioni al personale e agli studenti. Quattro milioni di over 12, devono ricevere due dosi entro settembre. “A un mese e mezzo dalla prima campanella, la vedo dura, si dovrà ricorrere alla Dad” ha dichiarato a Repubblica il presidente nazionale Antonello Giannelli.

Le “classi pollaio”

Oltre alla montagna dei vaccini, per tornare in presenza restano i nodi delle classi “pollaio” da dividere, degli spazi da trovare, di un centinaio di migliaia di precari da stabilizzare. Tutti problemi che non sono stati nemmeno istruiti. Giovedì in Consiglio dei ministri è previsto l’approdo dei decreti sulla scuola e sui trasporti che dovrebbe estendere l’utilizzo del Green Pass ai viaggi a lunga percorrenza e stringere le maglie sull’obbligo che il personale e i professori siano immunizzati.

Sull’eventualità di obbligare gli studenti a vaccinarsi la Lega alza il muro. Nessuna intenzione di uscire dall’esecutivo, “non ci sarà un cambio di linea”, premette Salvini che sabato parlerà a Cervia in occasione della tradizionale festa del partito di via Bellerio. Il dibattito alla Camera sul Green Pass ci sarà comunque solo a settembre, di fronte a chi è preoccupato – anche nella Lega – di strizzare troppo l’occhio al popolo ‘no vax’ la strategia di Salvini è quella di condurre una lotta trasparente ma senza arretrare.

I trasporti e le strutture inadeguati

Di questi tempi lo scorso anno si discuteva con ansia della riapertura delle scuole e gli attacchi alla ministra Azzolina non si contavano. Dopo 12 mesi e con un nuovo Governo, bisogna capire cosa sia effettivamente cambiato: i tempi per programmare con i Comuni e le Province il recupero di strutture adiacenti o vicine alle scuole c’erano, così da garantire spazi più idonei. Bisognava lavorare per potenziare il trasporto pubblico ed eventualmente, dove necessario, pianificare con le scuole orari scaglionati; si dovevano attrezzare le scuole con impianti di ricambio forzato dell’aria, per limitare l’apertura costante delle finestre in pieno inverno. Il programma di assunzioni non è andato come sperato.

Il flop del concorso straordinario

Le assunzioni avvenute tramite il concorso straordinario non copriranno neanche le cattedre, continuando a incrementare il precariato; esattamente il contrario di ciò che serviva. La percentuale di docenti che, in diverse regioni, non hanno superato il concorso straordinario è imponente e il problema non riguarderebbe tanto la loro preparazione, quanto i criteri e le modalità del concorso. Bisognava cogliere questa occasione per tenere insieme due esigenze urgenti: superare il precariato strutturale e assumere molto di più, per fare classi più piccole.

Si doveva aumentare il numero dei docenti di sostegno, mentre invece moltissimi idonei non possono partecipare ai corsi (perché le Università li attivano in numeri limitati). Si doveva superare queste grandi e piccole storture, partendo da un dato oggettivo: la spesa per l’istruzione, come per l’Università e la ricerca, va aumentata.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Fiere di animali esotici, l’inchiesta della Lav sui “wet market” italiani
Cronaca / 4.552 nuovi casi e 66 morti nell'ultimo giorno: tasso di positività all'1,6%
Cronaca / Palombelli difende le sue affermazioni sui femminicidi: “Guardare realtà da tutte le angolazioni”
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Fiere di animali esotici, l’inchiesta della Lav sui “wet market” italiani
Cronaca / 4.552 nuovi casi e 66 morti nell'ultimo giorno: tasso di positività all'1,6%
Cronaca / Palombelli difende le sue affermazioni sui femminicidi: “Guardare realtà da tutte le angolazioni”
Cronaca / Quando esce The Post Internazionale in edicola, città per città
Cronaca / Positivi al Covid, accompagnano i figli a scuola prima dell’esito del tampone: due classi in quarantena
Cronaca / “Il Covid non esiste”: maestra trevigiana no vax e no mask ricoverata in terapia intensiva
Cronaca / Brunetta: “Adesso basta smart working, con il Green Pass tutti i lavoratori potranno tornare in presenza”
Cronaca / Barbara Palombelli sui femminicidi: “Bisogna chiedersi se le donne hanno avuto comportamenti esasperanti”
Cronaca / Green pass per tutti i lavoratori: multe fino a 1.500 euro e stop allo stipendio per chi non ha la certificazione
Cronaca / Alessandro Barbero contro il Green Pass: "Così la sinistra si piega ai padroni"