Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 11:40
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

“Ti prego fatti intubare”: Niccolò racconta la morte del padre No vax

Immagine di copertina

Il Covid continua a uccidere e lo fa soprattutto tra i No vax, l’ultima terribile storia arriva da Vicenza e la racconta Niccolò a Repubblica.

Il padre di Niccolò, Alessandro Mores, 48 anni, non era vaccinato ed è morto all’ospedale San Bortolo dopo aver rifiutato l’intubazione: “Fatemi firmare per non essere intubato, tanto guarisco lo stesso”, aveva detto ai medici.

Il giovane Niccolò aveva cercato di convincerlo fino all’ultimo, era stato lui a chiamare il 118 quando la salute del padre si era aggravata e l’uomo non riusciva più a respirare. Stava male da circa dieci i giorni, aveva la febbre altissima, non riusciva a muoversi da letto e negli ultimi giorni non mangiava più. Alessandro sosteneva che “Omicron non è pericolosa”, dopo il ricovero si è spento in poco tempo. I suoi polmoni sono stati divorati dal virus.

L’uomo faceva il rappresentante di generi alimentari e aveva cinque figli, Niccolò era uno di questi. Il giovane ricorda parola per parola l’ultima videochiamata con cui ha cercato di convincere il padre ad accettare le cure: “Papà – ha raccontato – proprio tu che hai sempre rimproverato a me di avere la testa dura. Ti prego, metti da parte l’orgoglio, fatti intubare. Fallo per noi che ti aspettiamo a casa”. Non c’è stato niente da fare.

In famiglia erano tutti vaccinati tranne Alessandro. Il figlio racconta che il padre non è sempre stato No vax ma che aveva patito pesantemente il periodo della pandemia: “Prima gli hanno impedito di lavorare, poi hanno chiuso i locali, poi l’hanno risarcito tardi e male. Aveva perso la fiducia nelle istituzioni, si era convinto che stessero tutelando qualche interesse occulto”.

In quella videochiamata prima della morte Niccolò dice di aver giocato la sua ultima carta: “L’ho implorato. Ho pianto davanti a lui. Con me c’erano due dei miei fratelli. Lui continuava a dire: ci sentiamo dopo. Come per tagliare la conversazione. Poi alle 3 di notte mi hanno comunicato che era morto”.

A chi ancora si ostina a non vaccinarsi il giovane dice “di pensare che a casa c’è sempre qualcuno che attende il loro ritorno. Solo questo. Mio padre non era un ignorante o un egoista. È stato lui ad insegnarci il valore del sacrificio sul lavoro, del rispetto per il prossimo, soprattutto per i più deboli. Ce l’hanno invidiato in tanti, il mio papà”.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Licata, uccide 4 familiari e poi si uccide in strada: morti ragazzi di 11 e 15 anni
Cronaca / “Mi si stringe il cuore al pensiero di mio figlio che pulisce il giacchetto dagli sputi”: parla il padre del bambino insultato perché ebreo
Cronaca / Papa Francesco: “I genitori non condannino i figli gay”
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Licata, uccide 4 familiari e poi si uccide in strada: morti ragazzi di 11 e 15 anni
Cronaca / “Mi si stringe il cuore al pensiero di mio figlio che pulisce il giacchetto dagli sputi”: parla il padre del bambino insultato perché ebreo
Cronaca / Papa Francesco: “I genitori non condannino i figli gay”
Cronaca / Cagliari, 30enne disoccupato cerca di farsi vaccinare al posto di un no vax in cambio di una cena
Cronaca / Sileri al no vax: “Vi renderemo la vita impossibile”. Bufera social sul sottosegretario | VIDEO
Cronaca / Napoli, vuole il gelato ma non ha il green pass: anziano estrae pistola e la punta contro il vigilante
Cronaca / Scuola, le Regioni chiedono al governo di mandare in classe i positivi asintomatici
Cronaca / Covid, oggi 186.740 casi e 468 morti: mai così tanti dal 14 aprile 2021
Cronaca / I Savoia rivogliono i gioielli della corona custoditi dalla Banca d’Italia: “Appartengono a noi”
Cronaca / Milano, violenze in piazza Duomo: tre indagati. Dicevano: “Quella dalla a me”