Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 11:08
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

Terza dose, prime somministrazioni in autunno. “Non raggiungeremo mai l’immunità di gregge”

Immagine di copertina

Mentre prosegue la campagna vaccinale, in molti Paesi prende il via la somministrazione della terza dose di vaccino anti-Covid, che Israele ha già iniziato a distribuire. Anche Gran Bretagna, Germania e Francia vanno nella stessa direzione, e ieri il virologo della Casa Bianca Anthony Fauci ha anticipato che quasi certamente tutta la popolazione sarà sottoposta al richiamo. “Non solo i soggetti più fragili, per i quali la decisione è imminente. In un prossimo futuro la terza dose sarà necessaria per tutti”, ha dichiarato.

In Italia il ragionamento è strettamente legato al raggiungimento dell’immunità di gregge, che anche con l’80 per cento della popolazione vaccinata – percentuale che dovrebbe essere raggiunta a fine settembre – sarà difficile da garantire. Secondo Stefania Salmaso, dell’Associazione italiana di epidemiologia, l’obiettivo resta un miraggio. “Non la raggiungeremo mai”, ha dichiarato a Repubblica. Troppe, infatti, le variabili: da un lato, i vaccinati non sono distribuiti in modo omogeneo su tutte le classi di età, e il virus può circolare soprattutto tra i giovani, meno coperti, compresi i 6 milioni di under 12 che non possono fare il vaccino.

Inoltre anche chi è vaccinato può comunque prendere l’infezione e trasmetterla, anche se gli studi in questo senso non sono definitivi. Infine c’è la questione delle varianti e quella della copertura, che con il trascorrere del tempo va diminuendo: gli ultimi studi dimostrerebbero come l’immunità possa scemare sensibilmente dopo 5-6 mesi soprattutto nelle persone più anziane e fragili.. Per questo i tecnici del ministero insieme al generale Figliuolo e al Cts stanno pianificando le somministrazioni, che sempre secondo Repubblica dovrebbero iniziare il prima possibile, in autunno, con i più fragili e le persone a rischio. Intanto l’obiettivo a breve termine è quello di aver vaccinato con le prime due dosi il 70 per cento di cittadini entro i primi di settembre.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / 3.797 nuovi casi e 52 morti nell'ultimo giorno: tasso di positività all'1,4%
Cronaca / Trovato morto Giacomo Sartori, il 29enne scomparso una settimana fa a Milano
Cronaca / A chi esulta per Dell’Utri do una notizia: non è stato assolto dalle condanne precedenti
Ti potrebbe interessare
Cronaca / 3.797 nuovi casi e 52 morti nell'ultimo giorno: tasso di positività all'1,4%
Cronaca / Trovato morto Giacomo Sartori, il 29enne scomparso una settimana fa a Milano
Cronaca / A chi esulta per Dell’Utri do una notizia: non è stato assolto dalle condanne precedenti
Cronaca / Rilasciato l’ex presidente catalano Puigdemont: era stato arrestato in Sardegna
Cronaca / È arrivato il numero 2 del settimanale di The Post Internazionale. Da oggi potete acquistare la copia digitale
Cronaca / 4.061 nuovi casi e 63 morti nell'ultimo giorno: tasso di positività all'1,3%
Cronaca / Draghi all’assemblea di Confindustria: “Il green pass è strumento di libertà, no a nuove tasse”
Cronaca / DIG Festival 2021: il giornalismo investigativo a Modena dal 30 settembre al 3 ottobre
Cronaca / Milano, 30enne scomparso da 5 giorni: sparito dopo il furto del suo zaino
Cronaca / 3.970 nuovi casi e 67 morti nell'ultimo giorno: tasso di positività all'1,3%