Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 22:42
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cronaca

Suicidio assistito, Marco Cappato si autodenuncia per aver accompagnato Elena in Svizzera. Rischia 12 anni

Immagine di copertina

Marco Cappato, tesoriere dell’Associazione Luca Coscioni, si è autodenunciato alla caserma dei carabinieri di via Fosse Ardeatine, a Milano, alle 11.15. Ieri aveva detto di trovarsi in Svizzera perché Elena, 69 anni, aveva chiesto di essere accompagnata a Basilea per poter accedere legalmente al suicidio assistito. Era affetta da una grave patologia oncologica ai polmoni con metastasi. Nel luglio 2021 aveva ricevuto la diagnosi di microcitoma polmonare. La donna, che era originaria di Spinea in provincia di Venezia, aveva chiesto aiuto a Cappato: “Non volevo che i miei cari, accompagnandomi, potessero avere delle ripercussioni legali per una decisione che è sempre stata solo mia”, ha spiegato nel video di addio pubblicato dall’associazione. Il tesoriere della Luca Coscioni ha, quindi, presentato l’autodenuncia per il reato di aiuto al suicidio. L’articolo 580 del codice penale prevede una pena che può arrivare anche a 12 anni di reclusione.

I medici avevano detto a Elena che avrebbe avuto poche possibilità di uscire dalla malattia. Dopo alcuni tentativi di cure, le è stato poi spiegato che avrebbe avuto pochi mesi di vita: “Non ho nessun supporto vitale per vivere, solo una cura a base di cortisone: non potevo fare altro che aspettare che le cose peggiorassero”, ha spiegato nel video. Questa volta, infatti, la situazione è diversa rispetto al caso di Dj Fabo che era tenuto in vita da trattamenti di sostegno vitale, uno dei requisiti previsti dalla Consulta nel 2019 per il suicidio assistito.

“Spiegherò ai carabinieri che per le prossime persone che ce lo chiederanno, se saremo nelle condizioni di farlo, aiuteremo anche loro. Sarà poi compito della giustizia stabilire se questo è un reato o se c’è la reiterazione del reato. O se c’è discriminazione come noi riteniamo tra malati”, ha spiegato Cappato che ha ringraziato il marito e la figlia di Elena per la fiducia e la vicinanza di queste ore. Il tesoriere della Luca Coscioni sa che può rischiare fino a 12 anni di reclusione, ma spera che l’iter sia simile a quello che lo ha portato all’assoluzione per il caso di Dj Fabo. Per questo ha aggiunto: “Con Fabo è stata aperta una strada che riguarda migliaia di persone. Il nostro obiettivo non è lo scontro o il vittimismo o il martirio. Siamo qui con la speranza che le aule di tribunale possano riconoscere un diritto fondamentale, sapendo che c’è anche la possibilità del carcere”.

 

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Paziente rifiuta le cure del medico e lo insulta perché nero
Cronaca / La nuova frontiera delle truffe informatiche: dal trading online allo smishing, ecco come evitarle
Cronaca / Salerno, panettiere ucciso e fatto a pezzi. Moglie e figli accusati di omicidio
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Paziente rifiuta le cure del medico e lo insulta perché nero
Cronaca / La nuova frontiera delle truffe informatiche: dal trading online allo smishing, ecco come evitarle
Cronaca / Salerno, panettiere ucciso e fatto a pezzi. Moglie e figli accusati di omicidio
Cronaca / Anche oggi è allerta maltempo, mentre si contano i danni. “In Italia 132 eventi estremi in sei mesi”
Cronaca / Gallipoli, turisti si lanciano bottiglie di vetro e un’auto quasi investe un ragazzo
Cronaca / La Calabria arruola 500 medici cubani per salvare il sistema sanitario
Cronaca / Una tromba d'aria distrugge il Twiga, lo sfogo di Briatore: "Italiani invidiosi"
Cronaca / Bimbo ucciso in bici a Milano, arrestato il pirata della strada. Guidava senza patente, sotto effetto di droga e con gamba ingessata
Cronaca / È uscito il nuovo numero del settimanale di The Post Internazionale. Da oggi potete acquistare la copia digitale
Cronaca / Nubifragi e trombe d’aria al Centro-Nord. Due morti in Toscana. Protezione civile riunisce unità di crisi