Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 13:42
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cronaca

Suicidio assistito, iniziata la sedazione profonda per Fabio Ridolfi: “Non siate tristi, per lui è una liberazione”

Immagine di copertina
Credti: ANSA

Suicidio assistito, iniziata la sedazione profonda per Fabio Ridolfi: “Non siate tristi, per lui è una liberazione”

È iniziata la sedazione profonda per Fabio Ridolfi, dopo una lunga battaglia legale per ricorrere al suicidio medicalmente assistito. Il 46enne, immobilizzato da 18 anni a causa di una tetraparesi, aveva ottenuto il via libera dalle autorità regionali lo scorso dicembre. Tuttavia la procedura era stata bloccata dalla mancata indicazione del farmaco da utilizzare, assente dal parere formulato dal Comitato etico regione Marche. Per questo nelle scorse settimane i legali di Ridolfi avevano diffidato l’azienda sanitaria regionale delle Marche, accusata di inadempienza.

“Non siate tristi, per lui sarà una liberazione”, ha detto ieri il fratello Andrea, durante la veglia tenuta a Fermignano, nella provincia di Pesaro e Urbino. “Fabio avrà quello che voleva”, ha affermato, tra gli applausi commossi della folla in piazza. Tra i presenti, anche il gruppo heavy metal con cui il 46enne suonava da giovane, che ha eseguito un brano dei Metallica, oltre ai tifosi della Fermignanese, che hanno esibito lo striscione in cui si chiede “rispetto per Fabio”.

In Italia attualmente l’eutanasia, intesa come somministrazione diretta di un farmaco letale al paziente che ne fa richiesta, costituisce reato mentre è consentito il suicidio medicalmente assistito, a seguito di una sentenza della Corte costituzionale.

Nel 2019 questa ha dichiarato che non è punibile “chi agevola l’esecuzione del proposito di suicidio”, a condizione che la persona che ne faccia richiesta sia pienamente capace di intendere e volere, soffra di una patologia irreversibile portatrice di gravi sofferenze fisiche o psichiche e sopravviva grazie a trattamenti di sostegno vitale. La Consulta si era pronunciata sul caso di Marco Cappato, esponente dei radicali autodenunciatosi nel 2017 dopo aver accompagnato in Svizzera Fabiano Antoniani, noto come dj Fabo, per ottenere l’assistenza alla morte volontaria.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Omicidio Mollicone, la testimone: “Serena ha litigato con un ragazzo il giorno della scomparsa”
Cronaca / Montepulciano, 23enne morto sul lavoro: è stato colpito al petto da un tubo di ferro
Cronaca / Milano, abusi su bambine in una scuola materna: maestro arrestato
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Omicidio Mollicone, la testimone: “Serena ha litigato con un ragazzo il giorno della scomparsa”
Cronaca / Montepulciano, 23enne morto sul lavoro: è stato colpito al petto da un tubo di ferro
Cronaca / Milano, abusi su bambine in una scuola materna: maestro arrestato
Cronaca / Napoli, traghetto da Capri urta banchina: una trentina i feriti, uno in codice rosso
Cronaca / Marco Luis (“il bodybuilder più pompato di sempre”) è morto a 46 anni per cause ignote
Cronaca / Armato a San Pietro: arrestato a Roma super ricercato
Cronaca / Come si entra nei Servizi segreti? Ecco il bando per nuovi 007
Cronaca / In 2 anni 32.500 posti in meno negli ospedali italiani
Cronaca / Desenzano del Garda, multato per aver pulito la spiaggia del lago: parte la colletta
Cronaca / Fa retromarcia e investe il figlio di un anno: il piccolo Matteo muore dopo due giorni di agonia