Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 14:59
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cronaca

Strage Viareggio, Cassazione: prescritti omicidi colposi, appello bis su disastro

Immagine di copertina

La quarta sezione penale della Cassazione, nel processo sulla strage di Viareggio, ha dichiarato prescritte le accuse di omicidio colposo e disposto lo svolgimento di un appello bis soltanto per il capo di imputazione relativo al disastro colposo. Cadono quindi le accuse di omicidio colposo per tutti gli imputati nel processo sul disastro ferroviario, in cui persero la vita 32 persone.  “È una vergogna”, ha gridato secondo quanto riporta Repubblica uno dei parenti delle vittime riuniti in una sala della Croce Verde di Viareggio per aspettare la sentenza.

La Corte ha disposto un nuovo processo per Mauro Moretti, ex amministratore delegato di Ferrovie dello Stato italine (Fs) e Rete Ferroviaria Italiana (Rfi), condannato in appello a 7 anni, e Michele Mario Elia, ex ad di Rfi condannato in secondo grado a 6 anni.

Ci sarà un nuovo processo di appello anche per l’ex ad di Trenitalia Vincenzo Soprano, che era stato condannato a 6 anni, e per Francesco Favo (all’epoca certificatore della sicurezza per Rfi), che era stato condannato a 4 anni, nonché per gli allora vertici di Gatx Rail Austria, di Gatx Rail Germania e delle Officine Jugenthal, società incaricate della manutenzione dei carri cisterna. La Cassazione ha confermato anche le assoluzioni, stabilite in appello, dei due dirigenti di Rfi Giorgio Di Marco e Giovanni Costa.

La strage di Viareggio, avvenuta il 29 giugno 2009, fu un disastro ferroviario che provocò 32 morti e oltre 100 feriti a causa del deragliamento e dell’incendio di un vagone cisterna. A deragliare fu un treno merci Trecate-Gricignano costituito da 14 carri cisterna contenenti Gpl.

La fuoriuscita di combustibile provocò una serie di esplosioni. A perdere la vita furono abitanti della zona di via Ponchielli e passanti, investiti dall’esplosione e dalle fiamme. Nel 2019 la procura generale aveva chiesto al processo d’appello condanne per 17 imputati, accusati, a vario titolo di disastro ferroviario, omicidio e lesioni plurime colpose e incendio.

Leggi anche: Strage di Viareggio, Mauro Moretti condannato in appello a 7 anni

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Botte e bruciature di sigaretta: a processo madre di due bimbi di 6 e a 8 anni
Cronaca / Mali, liberati i tre italiani sequestrati nel maggio del 2022
Cronaca / Pisa, la procura indaga per lesioni volontarie e violenza privata. Piantedosi: “Casi isolati”
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Botte e bruciature di sigaretta: a processo madre di due bimbi di 6 e a 8 anni
Cronaca / Mali, liberati i tre italiani sequestrati nel maggio del 2022
Cronaca / Pisa, la procura indaga per lesioni volontarie e violenza privata. Piantedosi: “Casi isolati”
Cronaca / Drusilla Foer ricoverata in ospedale per una polmonite bilaterale: “Mi sto curando”
Cronaca / Bologna, morì a 4 anni per diagnosi errata. Infermiera assolta ma “ostacolò le indagini per salvare se stessa”
Cronaca / È morto Ernesto Assante, storica firma di "Repubblica"
Cronaca / Maltrattamenti a bimba disabile: arrestate due maestre di una scuola materna
Cronaca / Vannacci indagato a Roma per il suo libro, contestato il reato di istigazione all’odio razziale
Cronaca / Courmayeur, sciatore cade durante un fuoripista e muore
Cronaca / Disastro del Mottarone, per il piccolo Eitan risarcimento da 3 milioni di euro