Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 13:24
Pirelli Summer Promo
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cronaca

Strage Mottarone, Eitan è fuori pericolo e lascia la rianimazione. La lettera della zia: “Realizzeremo i suoi sogni”

Immagine di copertina
Il piccolo Eitan sulla funivia accanto al bisnonno pochi istanti prima del disastro

Dall’ospedale arrivano notizie incoraggianti: Eitan, il bambino di 5 anni sopravvissuto alla tragedia della funivia Stresa-Mottarone, non è più in pericolo di vita. Dal reparto di rianimazione è stato trasferito in quello di degenza: “Le condizioni sono in significativo miglioramento e la prognosi è stata sciolta. È in costante miglioramento sia dal punto di vista del trauma toracico sia dal punto di vista del trauma addominale”, si apprende da fonti mediche dell’ospedale Regina Margherita di Torino dov’è ricoverato.

S&D

Nella caduta della cabina, domenica 23 maggio, Eitan ha perso il papà Amit, la mamma Tal, il fratellino di due anni Tom e i bisnonni Barbara e Itshak. Anche lui per giorni ha lottato tra la vita e la morte. Da domenica Eitan, aiutato dalla zia Aya, e dalla nonna materna, ha incominciato a mangiare cibi leggeri ed è in continuo miglioramento.

Da Israele è arrivato a Torino, insieme ad altri parenti, Nadav Biran, fratello di Amit e Aya. Ed è con una lettera che Aya, che dal giorno dell’incidente è sempre stata con il nipote, ha voluto salutare per l’ultima volta la sua famiglia: “Mio Amit, mio piccolo fratellino, mia amata Tal-Tal e nostro Tomi-Tom. Non ho parole per descrivere quanto ci mancherete. Quando ci avete raggiunto a Pavia, Eitan aveva solo un mese, le mie bimbe due e 18 mesi. Per la prima volta da anni abbiamo avuto una famiglia in Italia”. “Abbiamo condiviso – si legge ancora nella lettera – la crescita dei bambini, li abbiamo allattati insieme, visti sviluppare l’armonia che c’è tra due fratelli. Sapevamo che ci saremmo sempre stati gli uni per gli altri”.

Intanto continua la gara di solidarietà. I detenuti della Casa Circondariale ‘Santa Bona’ di Treviso hanno avviato una raccolta di fondi da destinare al piccolo. Un’iniziativa a cui si è unita anche la direzione del carcere. Sulla drammatica vicenda è intervenuta la garante per l’Infanzia e l’Adolescenza, Carla Garlatti, chiedendo di evitare che l’attenzione suscitata da quanto accaduto “finisca per diventare, in nome di un sentimento pietoso, una forma di sfruttamento”.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Venezia: dal campanile di San Marco cadono alcuni pezzi di cemento armato
Cronaca / Femminicidi, Amnesty: "97 donne uccise, 64 da partner o ex"
Cronaca / Pandoro Ferragni-Balocco, per il giudice ci fu una “pratica commerciale scorretta”
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Venezia: dal campanile di San Marco cadono alcuni pezzi di cemento armato
Cronaca / Femminicidi, Amnesty: "97 donne uccise, 64 da partner o ex"
Cronaca / Pandoro Ferragni-Balocco, per il giudice ci fu una “pratica commerciale scorretta”
Cronaca / Piero Fassino denunciato per furto a Fiumicino: “Ma io volevo pagare”
Cronaca / Roma, ventenne stuprata da due nordafricani: adescata su Instagram
Cronaca / Processo Bochicchio, altro rinvio. E ora le parti civili puntano a far riaprire le indagini
Cronaca / Roma, allarme in hotel del centro per esalazioni tossiche: cinque intossicati
Cronaca / Roma, ragazza precipita da muro del Pincio: portata in codice rosso in ospedale
Cronaca / TPI insieme a Domani per la libertà di stampa in Italia
Cronaca / L’influencer Elena Berlato aggredita e rapinata a Milano: “Sono finita in ospedale”