Covid ultime 24h
casi +13.331
deceduti +488
tamponi +286.331
terapie intensive -4

“Olindo e Rosa innocenti”: gli haters dei Castagna a processo per diffamazione

Di Selvaggia Lucarelli
Pubblicato il 7 Gen. 2021 alle 17:18
7.3k
Immagine di copertina
Olindo e Rosa Bazzi

La procura di Como ha proceduto alla citazione diretta a giudizio nei confronti di una serie di commentatori della pagina Facebook “Olindo Romano e Rosa Bazzi innocente” nonché dell’amministratore del gruppo Paola Pagliari.

A seguito di alcuni servizi tv e di articoli sul caso Erba in cui, tra le altre cose, veniva adombrato il sospetto di un coinvolgimento nella strage da parte dei fratelli Pietro e Beppe Castagna nonché del loro defunto padre Carlo, i due fratelli avevano sporto numerose denunce.

Tredici le persone citate in giudizio tra la Lombardia, il Lazio e la Basilicata per aver diffamato a vario titolo i Castagna. In particolare, l’amministratrice del gruppo aveva scritto dell’appena defunto Carlo Castagna (il quale perdonò gli assassini della moglie, della figlia e del nipote, oltre che della vicina di casa) che “ha perdonato in tutta fretta per tappare la bocca a tutti”.

A titolo di esempio, un altro utente, Maurizio C., aveva scritto che “È morto l’unico che doveva dire la verità”, Luigi R.: “Troppe chiacchiere su questo bauscia: resta in putrefazione”. Marco G.: “Si è portato la verità nella tomba, altrimenti doveva fare il nome dei figli”.

Il pubblico ministero ha quindi richiesto per l’amministratrice della pagina “Olindo Romano e Rosa Bazzi innocente” 9 mesi di pena ridotti di due mesi, 6 mesi per altri due commentatori e ha proposto per altri 10 commentatori 2.100 euro di sanzione.

Leggi anche: Strage di Erba, Marzouk rinviato a giudizio per diffamazione contro la famiglia Castagna

7.3k
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.