Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 21:15
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cronaca

Palestre, piscine e sport all’aperto: tutte le regole tra green pass e tamponi

Immagine di copertina
Un saluto in palestra ai tempi del Covid Credits: ANSA

Da settembre riprende lo sport. Ci si iscrive in palestra o in piscina, gli agonisti si ritrovano nei club per allenarsi prima della stagione delle gare. Ma quali sono le nuove regole, tra tamponi e Green Pass?

Il decreto legge del 23 luglio non lascia spazio a dubbi: all’articolo 6 prevede l’obbligo di Green Pass in “piscine, centri natatori, palestre, sport di squadra, limitatamente alle attività al chiuso”, dal 6 agosto scorso in poi. Chi ha più di 12 anni deve esibire la Certificazione verde, cartacea o digitale, per nuotare in vasca o allenarsi in sala.

Oltre al Pass, ci sono dei protocolli da rispettare, che prevedono la misurazione della temperatura all’ingresso degli impianti, l’obbligo di mascherina nei locali chiusi e negli spogliatoi e due metri di distanza dagli altri atleti mentre ci si allena e 7 metri quadrati per ogni nuotatore in vasca. L’obbligo della certificazione verde vale oltre che per la sala attrezzi, anche per la danza, il judo, la capoeira, la ginnastica artistica, quella posturale, lo yoga, l’acquagym o lo spinning, dentro e fuori dall’acqua.

I bambini sotto i 12 anni non dovranno avere la Certificazione verde ma i loro accompagnatori, ad esempio genitori o baby-sitter che li accompagnano negli spogliatoi o li vanno a riprendere entrando nella struttura, saranno invece tenuti a mostrarlo. 

Sport all’aperto

All’aperto il Green Pass non è obbligatorio, lo dice sempre il già citato decreto legge del luglio scorso. Però in molti impianti sportivi viene richiesto anche laddove le piscine sono scoperte o gli allenamenti parzialmente all’aperto, soprattutto perché si utilizzano comunque docce, wc e spogliatoi che sono necessariamente al chiuso. Se si desidera fruire esclusivamente delle zone esterne (piscine all’aperto e solarium, campi di padel, di tennis, di calcetto), si potrà chiedere di compilare una specifica autocertificazione che consentirà di accedere solo in quelle aree, ferma restando l’impossibilità di accedere agli spogliatoi o al bar.

Calcio: Green Pass e tamponi

La Figc si è ricreduta sui tamponi. Dopo le proteste del mondo dilettantistico sulla norma pubblicata nell’ultimo protocollo che imponeva un tampone per tutti i giocatori, compresi quelli con il Green Pass, è arrivata una rettifica.

Per le attività dilettantistiche o giovanili agonistiche di livello regionale o provinciale l’attività di screening iniziale con i tamponi antigenici o molecolari “si intende facoltativa per i soggetti in possesso di Certificazione verde Covid 19. Viceversa l’attività iniziale di screening rimane obbligatoria per tutti i componenti del Gruppo Squadra (giocatori, allenatore, staff), indipendentemente dal possesso o meno della Certificazione verde Covid-19 per lo svolgimento di attività agonistiche dilettantistiche giovanili di livello nazionali o comunque riconosciute di preminente interesse nazionale dalla Federazione o relative alle fasi finali di competizioni nazionali”.

Quanto agli allenamenti, anche se svolti parzialmente al chiuso, “considerata la frequente necessità di utilizzo di spazi e sale al chiuso per i quali è obbligatoria la Certificazione verde è necessario un tampone molecolare o antigenico entro le 48 ore precedenti ciascuna seduta di allenamento per i non vaccinati e non guariti, e per i soggetti non vaccinati con l’intero ciclo vaccinale”.

Pallavolo

Per schiacciare o saltare a muro è obbligatorio il Green Pass, cioè bisogna essere vaccinati con monodose o due dosi, vaccinati con un’unica dose da 15 giorni, guariti dal Covid da sei mesi, negativi al tampone da meno di 48 ore

Per la serie A e B sia maschile che femminile è obbligatorio uno screening con tampone 48/72 ore prima della ripresa degli allenamenti e delle competizioni.

Dalla serie C in giù è raccomandato un tampone molecolare o antigenico 72/48 prima del giorno fissato per la rirpesa dell’attività sportiva . Mentre prima delle competizioni il tampone diventa obbligatorio, ma solo per tutti quelli che non hanno il Green Pass in corso di validità.

Autocertificazione fino ai 12 anni

Per i corsi di minibasket non c’è alcun obbligo di Green Pass, e così per gli altri sport sotto i 12 anni. Questo perché sono al momento esclusi dall’obbligo del vaccino. Servirà però un’autocertificazione compilata dai genitori. Nello stesso sport, i ragazzi con più di 12 anni che vogliono andare a canestro e i loro accompagnatori devono avere invece la Certificazione verde o essere negativi al tampone fatto negli ultimi 7 giorni.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Roma, scavano un tunnel sotterraneo, ma uno di loro resta bloccato
Cronaca / Evade dai domiciliari per andare in vacanza a Gallipoli e posta le foto su Instagram: arrestato
Cronaca / Arriva in India e non paga la tassa di soggiorno. Italiano arrestato, rischia 8 anni di carcere
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Roma, scavano un tunnel sotterraneo, ma uno di loro resta bloccato
Cronaca / Evade dai domiciliari per andare in vacanza a Gallipoli e posta le foto su Instagram: arrestato
Cronaca / Arriva in India e non paga la tassa di soggiorno. Italiano arrestato, rischia 8 anni di carcere
Cronaca / Turiste francesi stuprate a Bari, il pm: “Scene da Arancia Meccanica”
Cronaca / Il geologo Tozzi invita Jovanotti a prendere una birra per discutere del Jova Beach Party
Cronaca / Svizzera, il ministro a Sgarbi: “Le regole sono uguali per tutti. Qui i deputati non hanno auto blu”
Cronaca / “Piscine contaminate da batteri fecali”: blitz dei Nas nei parchi acquatici
Cronaca / La lettera del papà di Giulia e Alessia, investite dal treno: “Giudizi negativi su di me. Non porto rancore”
Cronaca / Jovanotti risponde al professor Tozzi: “Li ho chiamati eco–nazisti perché lo sono”
Cronaca / Roma, pedina la moglie tramite Gps e aggredisce l’amante con nove coltellate al torace: la vittima è in coma