Covid ultime 24h
casi +12.415
deceduti +377
tamponi +211.078
terapie intensive -17

Bergamo, sperona l’auto della moglie e tenta di darle fuoco: alla scena ha assistito anche il figlio 14enne della coppia

L'uomo è stato successivamente arrestato e ora dovrà rispondere dell'accusa di tentato omicidio aggravato

Di Niccolò Di Francesco
Pubblicato il 11 Dic. 2019 alle 18:22
111
Immagine di copertina

Sperona auto e tenta di dare fuoco alla moglie: arrestato

Prima sperona l’auto della moglie dalla quale si stava separando e poi tenta di darle fuoco: è avvenuto nella giornata di mercoledì 11 dicembre in provincia di Bergamo.

Secondo quanto ricostruito, l’uomo, un 42enne di origine indiana così come la moglie, una 34enne, si trovava in auto con il figlio di 14 anni quando in un parcheggio a Castelli Calepio, in provincia di Bergamo, ha prima speronato la vettura in cui si trovava la coniuge e poi tentato di darle fuoco con due taniche di benzina.

La donna fortunatamente ha mantenuto il sangue freddo ed è riuscita a fuggire, andando direttamente alla caserma dei carabinieri di Grumello del Monte per denunciare l’accaduto.

Un’ora e mezzo dopo l’accaduto, l’uomo si è presentato in caserma e si è costituito.

Dovrà rispondere dell’accusa di tentato omicidio aggravato.

L’uomo ha dichiarato agli inquirenti di non voler uccidere la moglie, ma solo di spaventarla.

Secondo quanto ricostruito, i due si erano separati a gennaio, quando la donna si era allontanata dal tetto coniugale con il figlio di 10 anni. L’altro figlio della coppia, il 14enne che si trovava con il padre al momento dell’aggressione, era invece rimasto a casa con il padre.

Nei giorni scorsi, l’uomo aveva sporto denuncia nei confronti della moglie per violazione degli obblighi di assistenza familiare. In seguito, ha minacciato più volte la donna, che nel frattempo ha chiesto il divorzio.

Femminicidi, in Italia una donna è uccisa ogni 72 ore: “La coppia è l’ambito più a rischio”

111
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.