Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 12:39
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

Spari contro i migranti, la Procura di Agrigento chiede di indagare la Guardia costiera libica

Immagine di copertina

Spari contro i migranti, la Procura di Agrigento chiede di indagare la Guardia costiera libica

La procura di Agrigento ha chiesto di indagare gli uomini della Guardia costiera libica dopo che la scorsa settimana hanno aperto il fuoco contro un’imbarcazione che trasportava 62 migranti a bordo, come denunciato in un video ripreso dalla ong Sea-Watch.

Il procuratore Luigi Patronaggio ha scritto alla ministra di Grazia e giustizia Marta Cartabia chiedendo per la prima volta l’autorizzazione a procedere contro uomini della Guardia costiera libica, secondo quanto riportato da La Repubblica, dopo aver acquisito il filmato ripreso dal’aereo “Seabird” della ong, che mostra l’equipaggio della motovedetta libica sparare colpi di arma da fuoco e lanciare oggetti contro i migranti. L’ipotesi di reato è quella di tentato naufragio.

Un attacco “brutale” lo ha definito Sea-Watch, che ha presentato un esposto presso la procura di Agrigento in cui ha indicato i piloti di Seabird come testimoni dei fatti, avvenuti il 30 giugno scorso.

“Nel nostro video si vede chiaramente la cosiddetta Guardia costiera libica che spara due colpi in direzione della barca di legno”, ha dichiarato Sea-Watch, aggiungendo che sull’imbarcazione erano presenti diversi bambini. “Più volte l’equipaggio della [motovedetta] Ras Jadir ha lanciato oggetti contro le persone a bordo e cercato di speronare la barca di legno e di ‘prenderla’ con una fune”, ha detto l’ong, sostenendo di aver avvertito le autorità maltesi della presenza dell’imbarcazione nella zona Sar di Malta. ”Ci hanno detto che per il momento non sarebbero venuti in aiuto dei rifugiati ma avrebbero ‘indagato’. Alla fine, hanno riattaccato quando li abbiamo informati che un possibile respingimento in Libia da parte della vicina nave Ras Jadir sarebbe stato illegale”.

Dopo la diffusione delle immagini, la Marina libica ha dichiarato per la prima volta di aver avviato un’indagine interna, affermando che sono state messe in pericolo le vite dei migranti e dei membri dell’equipaggio della motovedetta stessa “in quanto non sono state seguite le misure di sicurezza e sono stati utilizzati anche dei colpi di avvertimento”

L’imbarcazione è poi riuscita ad arrivare qualche ora dopo a Lampedusa, da dove i migranti sono stati trasferiti su alcune navi a largo di Agrigento per completare il periodo di quarantena. Sea-Watch .

La nave della Guarda costiera libica ripresa dal video è una delle motovedette donate dall’Italia al governo libico nel 2017.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Torino, carabiniere tenta di sventare una rapina e viene accoltellato: fermato un 16enne
Cronaca / Luca Morisi, la procura chiede l’archiviazione dopo l’indagine sulla serata con droga ed escort
Cronaca / Greta Beccaglia, parla l’uomo che ha molestato la giornalista: “Non sto bene per quello che ho fatto, voglio incontrarla”
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Torino, carabiniere tenta di sventare una rapina e viene accoltellato: fermato un 16enne
Cronaca / Luca Morisi, la procura chiede l’archiviazione dopo l’indagine sulla serata con droga ed escort
Cronaca / Greta Beccaglia, parla l’uomo che ha molestato la giornalista: “Non sto bene per quello che ho fatto, voglio incontrarla”
Cronaca / Scuola, marcia indietro del governo: torna la didattica a distanza anche al primo positivo
Cronaca / L'a.d. di Moderna: “Vaccini meno efficaci contro Omicron"
Cronaca / Covid, oggi 7.975 casi e 65 morti: tasso di positività al 2,9%
Cronaca / Trasporti pubblici gratis per combattere l’inquinamento: l’esperimento al via a Genova
Cronaca / Giulia Talia, la prima aspirante Miss Italia dichiaratamente lesbica: “Spero di essere d’aiuto ad altri”
Cronaca / Il governo usa il Covid come scusa per respingere e rimpatriare i migranti
Cronaca / Giornalista molestata, il conduttore si difende: “Non volevo minimizzare”. Identificato il tifoso