Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 06:17
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Politica

Migranti, l’attacco del sindaco di Lampedusa: “Continua il silenzio di Draghi”

Immagine di copertina

Il sindaco di Lampedusa e Linosa, Salvatore Martello, ha sottolineato il silenzio del Governo sul tema degli sbarchi dei migranti ed è tornato a chiedere un incontro con il Presidente del Consiglio, Mario Draghi, dopo l’ultimo naufragio costato la vita a sette persone, compresa una donna incinta, a seguito del rovesciamento nel Canale di Sicilia di un barcone partito dalle coste africane.

“Questa ennesima tragedia nel Mediterraneo è straziante, cosa altro deve accadere per far capire all’Italia e all’Europa che così non si può andare avanti?!”, ha dichiarato il primo cittadino dell’isola una volta appresa la notizia. “Non si vuole prendere coscienza di quello che succede: non vale a nulla la solidarietà che, adesso, ci arriverà. Perché la solidarietà deve essere vera e concreta”.

Secondo Martello, “non si può continuare con la logica di una continua emergenza: bisogna affrontare l’intero fenomeno dei flussi migratori con un approccio differente, libero dalle speculazioni della contrapposizione politica ed incentrato sulla vera tutela dei diritti umani. E bisogna farlo subito perché mentre la politica continua a discutere, la gente muore in mare“.

A questo proposito, l’amministratore locale è convinto di poter contribuire portando a livello nazionale l’esperienza maturata sull’isola, ammesso che qualcuno a Palazzo Chigi voglia ascoltarlo.

“Continua il silenzio nei confronti del sindaco di Lampedusa da parte del presidente Draghi“, ha sottolineato Martello. “Sono passati 15 giorni, se non di più, da quando ho chiesto d’essere convocato per discutere di quello che avviene nel Mediterraneo. Ed essendo presente sul territorio, potrei sicuramente portare una visuale diversa sul fenomeno”.

Intanto, la Procura di Agrigento ha aperto un’indagine a carico di ignoti per il naufragio avvenuto al largo dell’isola, dove l’hot spot è sempre sull’orlo del collasso nonostante l’intervento del governo. La struttura infatti, che ospitare un massimo di 250 persone, accoglie al momento oltre 650 migranti.

Ti potrebbe interessare
Politica / La Camera approva la riforma del processo penale: 396 sì
Politica / Nasce "Italia Domani", il sito per monitorare opere e costi del Pnrr
Politica / Viminale: elezioni amministrative il 3 e 4 ottobre
Ti potrebbe interessare
Politica / La Camera approva la riforma del processo penale: 396 sì
Politica / Nasce "Italia Domani", il sito per monitorare opere e costi del Pnrr
Politica / Viminale: elezioni amministrative il 3 e 4 ottobre
Politica / Dal fratello di Maradona al compagno della Carrà: quei vip candidati alle elezioni comunali
Politica / Draghi, Renzi, Di Maio: le tre spine per Conte nuovo leader M5S
Politica / Ddl Zan, il piano di Renzi e Salvini per farlo approvare subito (ma alle loro condizioni)
Politica / La riforma della giustizia passa alla Camera: sì alla fiducia, anche M5s a favore
Politica / Salvini difende Jacobs dai sospetti dei media stranieri: “Squallidi, non sapete perdere”
Politica / Stragi, Draghi toglie il segreto su Gladio e sulla P2
Politica / Il Senato chiude e va in vacanza: Ddl Zan e riforma della giustizia possono attendere