Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 16:52
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

Sparava sui braccianti per farli lavorare di più: imprenditore arrestato a Terracina

Immagine di copertina

L'uomo, inoltre, avrebbe più volte minacciato i lavoratori stranieri puntando loro l'arma alla gola

Sparava sui braccianti per farli lavorare di più: imprenditore arrestato

Con un fucile a pompa sparava sui braccianti per farli lavorare di più: l’incredibile vicenda è avvenuta a Terracina, in provincia di Latina, con l’imprenditore che è stato arrestato dalle forze dell’ordine.

Le indagini della polizia sono iniziate in seguito alla segnalazione di cinque braccianti agricoli di origini indiane, i quali hanno raccontato le ripetute minacce subite dal loro datore di lavoro.

L’uomo, infatti, in diverse occasioni ha sparato diversi colpi d’arma da fuoco a scopo intimidatorio. Inoltre, secondo quanto affermato dai braccianti, lo scorso 10 ottobre, dopo il licenziamento di uno dei suoi dipendenti, l’imprenditore avrebbe dato in escandescenza, presentandosi presso l’alloggio dei braccianti e facendo fuoco all’indirizzo di alcuni di essi, senza colpire nessuno.

L’uomo, inoltre, ha minacciato i lavoratori stranieri puntando loro l’arma alla gola.

Quando la polizia ha fatto irruzione nel suo appartamento, l’imprenditore non ha opposto resistenza. Tuttavia, l’uomo ha tentato di simulare un furto del fucile a pompa che utilizzava per intimidire i braccianti nel tentativo di depistare le indagini.

L’arma, però, è stata successivamente recuperata e sequestrata.

Ora, l’imprenditore dovrà rispondere dei reati di  sfruttamento del lavoro, minaccia aggravata con l’utilizzo di arma da fuoco (fucile a pompa), lesioni personali, detenzione abusiva di munizionamento, omessa denuncia di materie esplodenti, avendo sottoposto manodopera (braccianti agricoli di nazionalità indiana) a condizioni lavorative degradanti nonché corrispondendo loro retribuzioni difformi dalla normativa vigente.

L’episodio di cronaca è stato commentato anche dal ministro delle Politiche agricole, alimentari e forestali Teresa Bellanova, che ha affermato: “Una delle ragioni per cui siamo chiamati a stroncare il caporalato è la degenerazione di ogni tipo a cui caporali e imprese senza scrupoli si sentono autorizzati. Abbiamo un’ottima legge che va applicata per intero”.

La ministra Bellanova a TPI: “Anche io sono stata sfruttata nei campi, ho visto morire braccianti davanti i miei occhi. La sfida al caporalato è la mia vita”

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Roma, donna chiusa in una smart da 4 giorni: portata in ospedale
Cronaca / Report Iss, i vaccini anti-Covid riducono contagi e ricoveri: -95% di morti già dopo la prima dose
Cronaca / Dai porti italiani partono armi destinate a Israele, ma a Livorno i portuali bloccano il carico
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Roma, donna chiusa in una smart da 4 giorni: portata in ospedale
Cronaca / Report Iss, i vaccini anti-Covid riducono contagi e ricoveri: -95% di morti già dopo la prima dose
Cronaca / Dai porti italiani partono armi destinate a Israele, ma a Livorno i portuali bloccano il carico
Cronaca / Via libera del ministero ai test salivari molecolari
Cronaca / Aggiornamento vaccini anti-Covid: quante dosi sono state consegnate e somministrate in Italia | 15 maggio 2021
Cronaca / Oggi 7.567 casi e 182 morti: il bollettino
Cronaca / Rula Jebreal rifiuta l’invito a Propaganda Live: “Sette ospiti e una sola donna. Come mai?”
Cronaca / Roberto Angelini multato per lavoro nero: "Sono stato tradito da un'amica"
Cronaca / Gaza, Fedez: “Non mi schiero. Ma qual è la posizione del governo italiano davanti all’uccisione di bambini?”
Cronaca / “Ce lo chiede l’Europa di mangiare da schifo”: bufera sul servizio anti-Ue di Rai2