Covid ultime 24h
casi +29.003
deceduti +822
tamponi +232.711
terapie intensive -2

“Crepa, una napoletana di meno”: gli agghiaccianti insulti social alla bambina ferita nella sparatoria a Napoli

Di Clarissa Valia
Pubblicato il 8 Mag. 2019 alle 08:56 Aggiornato il 8 Mag. 2019 alle 09:03
0
Immagine di copertina
Messaggi per la piccola Noemi, la bambina ferita durante un raid di camorra a Napoli, all'esterno dell'ospedale Santobono dove è ricoverata, Napoli, 7 maggio 2019. Credit: ANSA/CESARE ABBATE

Sparatoria Napoli bambina Noemi | Noemi, la bambina di 4 anni rimasta ferita nella sparatoria di Napoli sta lottando tra la vita e la morte da venerdì 3 maggio. La piccola si trova ricoverata in gravi condizioni all’ospedale Santobono.

Quel giorno, durante l’agguato a piazza Nazionale, Noemi è stata colpita da una pallottola. “Si sta prestando la massima attenzione alle condizioni del polmone sinistro, quello più compromesso dal proiettile, per verificarne la vascolarizzazione”, hanno spiegato i medici.

Al momento “si continua la sedazione e la ventilazione meccanica con alta concentrazione di ossigeno”.

Nel pomeriggio di martedì 7 maggio, il presidente della Repubblica Sergio Mattarella è andato a fare visita alla piccola dopo la mattinata trascorsa al teatro San Carlo dove, insieme ai Capi di Stato di Spagna e Portogallo, ha dedicato un lungo applauso a Noemi.

La piccola sta lottando tra la vita e la morte al nosocomio pediatrico e, nel mentre, sui social alcuni utenti pubblicano commenti agghiaccianti e inverecondi sotto le notizie della sparatoria.

Il clima di odio e veleno su Facebook e Twitter non è più tollerabile, tanto che questa volta è partita una denuncia alla polizia postale contro gli autori dei commenti contro Noemi.

I commenti sono stati segnalati allo sportello “Difendi la città” del comune di Napoli.

Sparatoria Napoli bambina Noemi
I commenti apparsi sui social. Screenshot di Globalist.it

Nei post un uomo augura alla piccola Noemi di morire, in quanto napoletana: “Spero che crepi, una napoletana di meno”.

E un altro scrive: “Morti di fame, puzzate, fate una bella guerra tra voi così sparano ancora ad altri bambini”.

Sparatoria di Napoli, la vicenda | Nella sparatoria sono rimaste ferite anche altre due persone oltre Noemi: una donna, la nonna della bambina, e l’uomo in fin di vita il pregiudicato Salvatore Nurcaro, 31enne obiettivo del killer.

Il video | A riprendere la scena sono state le telecamere di un negozio vicino a piazza Nazionale: nel video si vede lo sparatore con l’arma in mano che rincorre Nurcaro. Il filmato dura dodici secondi e mostra la piccola Noemi con la nonna all’angolo del bar Elite, inconsapevoli per quanto sta per succedere.

Sparatoria Napoli bambina Noemi | Le reazioni dei politici: da Fico a Salvini e Di Maio

Sparatoria Napoli bambina Noemi | Le condizioni di Noemi, la bambina ferita, restano gravi

Chi è Antonio Piccirillo, il figlio del boss che è sceso in strada per dire no alla Camorra

Altro che sicurezza e prima gli italiani, del ministro-poliziotto in divisa la Camorra se ne frega e spara anche ai bambini

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.