Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 20:29
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cronaca

Tre giorni di malattia al mese per il ciclo mestruale: la bozza di legge in Spagna

Immagine di copertina

Il ministero spagnolo per le Pari Opportunità ha proposto una legge che rivoluzionerebbe la vita delle donne nel Paese, introducendo per la prima volta il congedo mestruale. La bozza, visionata dal quotidiano El Pais e in discussione in Consiglio dei Ministri la settimana prossima, era stata elaborata per regolare i casi di aborto ma la versione finale include anche altre importanti novità, tra cui tre giorni di malattia al mese per le lavoratrici che hanno il ciclo. Anche se la versione attuale potrebbe subire delle variazioni prima di approdare in Parlamento, è la prima volta che il tema del ciclo mestruale viene inserito in un progetto di legge e più in generale che la salute mestruale viene inclusa nel diritto alla salute.

La legge nel dettaglio prevede tre giorni di congedo per malattia sotto controllo medico per mestruazioni, con possibilità di estenderlo a cinque per chi ha periodi invalidanti con dolore intenso, nausea, vertigini e vomito, sintomi che alcune donne soffrono quando hanno il ciclo. Inoltre i consultori che offrono servizi sociali per le donne a rischio e le carceri sono chiamati a offrire gratuitamente assorbenti e altri prodotti per l’igiene necessari durante le mestruazioni. Prevista inoltre l’eliminazione dell’IVA per articoli specifici per l’igiene femminile e un congedo retribuito prima del parto, dalla 36esima settimana fino al momento della nascita. Sono poi inclusi protocolli contro l’aborto forzato, la contraccezione e la sterilizzazione, con particolare attenzione alle donne con disabilità.

La legge propone anche di rendere l’aborto gratuito fino alla 14esima settimana di gestazione e fino alla 21esima nei casi di aborto terapeutico, ovvero un’interruzione per motivi medici, come una malformazione del feto o il pericolo per la vita della madre. Ciascuna comunità autonoma, che ha le competenze in materia sanitaria, deve permettere inoltre, secondo il provvedimento, l’interruzione di gravidanza in almeno un centro pubblico nei capoluoghi di provincia. Le ragazze potranno abortire senza il permesso della madre, del padre o di chi ne fa le veci dai 16 anni in poi e verranno eliminati i tre giorni di riflessione attualmente obbligatori. Infine si chiede che i contraccettivi e la pillola del giorno vengano finanziati dal sistema pubblico.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / L'Aquila, auto finisce nel giardino di un asilo: morto un bambino
Cronaca / Fedez invita Liliana Segre al suo podcast: “Sarei felice di ospitarla a Muschio Selvaggio”
Cronaca / Perdita dell’udito, rash cutanei, orticaria: i nuovi sintomi della variante Omicron
Ti potrebbe interessare
Cronaca / L'Aquila, auto finisce nel giardino di un asilo: morto un bambino
Cronaca / Fedez invita Liliana Segre al suo podcast: “Sarei felice di ospitarla a Muschio Selvaggio”
Cronaca / Perdita dell’udito, rash cutanei, orticaria: i nuovi sintomi della variante Omicron
Cronaca / Covid, 30.408 casi e 136 morti: il bollettino di oggi
Cronaca / L’Aquila, auto finisce nel giardino di un asilo: morto un bambino
Cronaca / Ruby ter, la pm: “Berlusconi aveva schiave sessuali, questa è storia”
Cronaca / Giornalisti picchiati alla cena della Roma, la società caccia il bodyguard
Cronaca / Suicidio assistito, l'appello di Fabio Ridolfi: "Lo Stato mi aiuti a morire"
Cronaca / Mosca espelle 24 diplomatici italiani: “Da Roma azioni ostili e immotivate”
Cronaca / Flatulenze al Tg1, la giornalista Mondini: “In ufficio non si respirava, i capi dissero ‘calci in c**o per chi non resta”