Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 22:11
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cronaca

I pm di Roma “Silvia Romano nelle mani di un gruppo islamista somalo”. A che punto è l’indagine a un anno dal rapimento

Immagine di copertina
Silvia Romano Credit: Facebook

Silvia Romano nelle mani di un gruppo islamista somalo

Silvia Romano, la cooperante milanese rapita in Kenya il 20 novembre dello scorso anno, sarebbe tenuta sotto sequestro in Somalia da un gruppo islamista legato ai jihadisti di Al-Shabaab. È quanto emerge dagli sviluppi dell’indagine della Procura di Roma e dei carabinieri del Ros. Gli inquirenti stanno valutando l’ipotesi di inviare una rogatoria internazionale alle autorità somale.

Silvia Romano, un anno dopo il rapimento

“Silvia è viva e si sta facendo di tutto per riportarla a casa”. Questa era l’ultima notizia certa risalente al 30 settembre scorso. Da allora sul rapimento di Silvia Romano avvenuto il 20 novembre del 2018 era calato il silenzio.

Un anno esatto dal quel brutto giorno quando la volontaria italiana è stata sottratta alla sua attività umanitaria a Chakama, un villaggio a 80 chilometri da Malindi in Kenya. Nulla è trapelato. Solo un laconico ci sono nuove prove, nuovi elementi di indagine emersi nell’ultimo mese.

Si sa che la collaborazione tra autorità keniane e italiane prosegue, non si è mai fermata un momento. Come ha sottolineato la viceministra degli Esteri, Emanuela Del Re, durante una sua recente visita in Kenya. Ma il silenzio sta diventando insopportabile, assordante e in molti chiedono di romperlo.

Il trasferimento in Somalia

La teoria del trasferimento di Silvia in Somalia è stata avanzata durante il terzo incontro tra investigatori, avvenuto in Kenya, e a cui hanno partecipato i carabinieri del Ros.

In base a quanto accertato dagli inquirenti, infatti, sia prima sia dopo il sequestro ci sono stati contatti telefonici tra gli autori materiali del rapimento e la Somalia.

Gli inquirenti sono convinti che si sia trattato di un sequestro su commissione (probabilmente di gruppi somali) e, oltretutto, armi e mezzi utilizzati dalle otto persone del gruppo di rapitori sono giudicati “sproporzionati” rispetto al livello medio delle bande criminali kenyote.

Leggi anche:
Silvia Romano, la procura di Roma: “Portata in Somalia dopo il rapimento”
> AUDIO SHOCK | “Domani lo arrestano”: prima di sparire, Silvia Romano avrebbe denunciato un caso di pedofilia
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Trento, 18enne scompare mentre va a scuola: ritrovato lo zaino non lontano dall’abitazione
Cronaca / Il nipote di Rino Gaetano contro Giorgia Meloni: “Non usi sue canzoni per festeggiare vittoria”
Cronaca / Vercelli, drogano la figlia di 13 anni e la costringono a prostituirsi
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Trento, 18enne scompare mentre va a scuola: ritrovato lo zaino non lontano dall’abitazione
Cronaca / Il nipote di Rino Gaetano contro Giorgia Meloni: “Non usi sue canzoni per festeggiare vittoria”
Cronaca / Vercelli, drogano la figlia di 13 anni e la costringono a prostituirsi
Cronaca / Caro bollette: gli hotel fanno prezzi folli ma non è solo colpa del gas
Cronaca / Bonus 200 euro per autonomi, da domani via alle domande
Cronaca / Roma, giovane straniero linciato dalla folla: “Si è denudato di fronte a una minore”
Cronaca / “Torneremo a girare in vespa e a tirar baci”: l’addio del papà al piccolo Mattia
Cronaca / Rovigo, fa sesso con l’amica svenuta e l’abbandona sul ciglio della strada: 27enne condannato
Cronaca / Bologna, caro bollette e affitti pazzi: “Così noi studenti rischiamo di non poterci laureare”
Cronaca / “Non voglio un figlio malformato, è mio diritto abortire e non seppellirlo”: la seconda parte dell’inchiesta sull’aborto