Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 04:12
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cronaca

Senzatetto ustionato tra Casoria e Afragola: “Due ragazze gli hanno dato fuoco con il liquido infiammabile”

Immagine di copertina
Soccorsi al clochard. Credit: Nano Tv

Nella tarda serata di sabato 13 agosto tra Afragola e Casoria (in provincia di Napoli) due ragazze avrebbero lanciato del liquido infiammabile per dare fuoco a un senzatetto. È quanto ha raccontato ai primi soccorritori il clochard vittima della terribile aggressione. L’uomo, che secondo quanto riporta il Corriere del Mezzogiorno tutti chiamano Antonio, era seduto su una panchina quando le due giovani si sarebbero avvicinate a lui per compiere il crudele gesto di appiccare il fuoco.

Dopo l’aggressione il clochard si sarebbe buttato a terra battendo le parti del corpo incendiate sull’asfalto e sarebbe riuscito a spegnere il fuoco. Poi, dolorante, si sarebbe spostato verso Afragola: rione Gescal, dove normalmente trascorre la notte dormendo in strada. Qui, notato da alcuni passanti, è stato soccorso. I medici del 118 gli hanno riscontrato ustioni al volto e alle braccia. Il senzatetto ha poi raccontato i dettagli dell’aggressione, ma ha rifiutato il ricovero. Ora si sono perse le sue tracce. I carabinieri lo stanno cercando per tentare di ricostruire l’esatta dinamica dei fatti.

Fanpage ha riportato le parole del consigliere regionale Francesco Emilio Borrelli, che è intervenuto sulla tragica vicenda: “Come riportato da Nano Tv sono preoccupanti le condizioni di salute di un clochard extracomunitario che vive nel Rione Gescal di Afragola. L’uomo racconta di essere stato bullizzato da due ragazze che gli avrebbero versato del liquido infiammabile addosso e dato fuoco. Ora rifiuta le cure sanitarie. Secondo i residenti il clochard, educato e riservato, presenterebbe ustioni su braccia e viso oltre a essere febbricitante. A nulla sono valse le insistenze dei sanitari giunti a soccorrerlo sul posto in ambulanza e delle forze dell’ordine”. Quindi, il consigliere conclude: “Auspichiamo l’intervento del sindaco di Afragola che richiedendo un trattamento sanitario obbligatorio consentirebbe agli addetti ai lavori di curare e salvare il senzatetto vittima, inoltre, della peggiore forma di vigliaccheria umana quella di usare violenza contro i fragili e gli indifesi. Chiediamo alle forze dell’ordine di verificare quanto da lui raccontato: se la storia è vera, si risalga ai responsabili del vile gesto intervenendo con misure esemplari”.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Neve a bassa quota e gelo artico, torna l'inverno sull'Italia
Cronaca / Navigatore solitario disperso in mare tra Grecia e Italia: salvato dalla Guardia Costiera
Cronaca / Omicidio Mollicone, la testimone: “Serena ha litigato con un ragazzo il giorno della scomparsa”
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Neve a bassa quota e gelo artico, torna l'inverno sull'Italia
Cronaca / Navigatore solitario disperso in mare tra Grecia e Italia: salvato dalla Guardia Costiera
Cronaca / Omicidio Mollicone, la testimone: “Serena ha litigato con un ragazzo il giorno della scomparsa”
Cronaca / Montepulciano, 23enne morto sul lavoro: è stato colpito al petto da un tubo di ferro
Cronaca / Milano, abusi su bambine in una scuola materna: maestro arrestato
Cronaca / Napoli, traghetto da Capri urta banchina: una trentina i feriti, uno in codice rosso
Cronaca / Marco Luis (“il bodybuilder più pompato di sempre”) è morto a 46 anni per cause ignote
Cronaca / Armato a San Pietro: arrestato a Roma super ricercato
Cronaca / Come si entra nei Servizi segreti? Ecco il bando per nuovi 007
Cronaca / In 2 anni 32.500 posti in meno negli ospedali italiani