Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 14:35
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cronaca

Scuola: l’algoritmo del ministero lascia i supplenti senza posto di lavoro

Immagine di copertina

È iniziata la scuola con 200 mila cattedre vuote, come era stato previsto. Si è quindi attinto alle supplenze come ogni anno. L’assegnazione online delle cattedre è dipesa da un algoritmo, implementato dall’ex ministro dell’Istruzione Patrizio Bianchi, che ha trasformato in un incubo il rientro a scuola per decine di migliaa di docenti. Prima di tutto è arrivata la sorpresa per gli insegnanti quando hanno visto che colleghi con punteggi più bassi (calcolati in  base all’anzianità, all’esperienza e alla formazione) si aggiudicavano contratti a discapito di candidati con punteggi più alti. Molti che si trovavano in cima alla graduatoria sono stati scartati. Ciò era dovuto al fatto che l’algoritmo combina i punteggi con le disponibilità date dai candidati riguardo le città dove possono lavorare, e considera come rinunciatari i candidati che non combaciano con le prime sedi scolastiche messe a bando, nonostante ci siano tra le loro preferenze sedi scoperte. Come spiega Today, l’algoritmo percorreva la graduatoria per ogni scuola e, una volta assegnata, non risaliva in cima alla lista per assegnare la scuola successiva, lasciando i primi senza posto di lavoro.Un sistema assurdo, non dovuto ad un errore di programmazione ma ad una volontà politica che sembra punire coloro che non mettono un largo numero di disponibilità territoriali.

In un comunicato il sindacato di base per il pubblico impiego di  USB ha dichiarato che “l’unica soluzione opportuna e necessaria, vista la fine dell’emergenza sanitaria, è tornare alle convocazioni in presenza che garantiscono trasparenza nelle operazioni e una soluzione immediata dei problemi che possono sempre verificarsi”.

“Non è accettabile” – prosegue il sindacato – “che i lavoratori e le lavoratrici a tempo determinato debbano ulteriormente subire un massacro di diritti ed essere sottoposti ad uno stress intollerabile in agosto per scegliere le preferenze di scuola alla cieca, senza conoscere le disponibilità e le possibilità, compilare un modulo online farraginoso e ad altissimo rischio di errore, per poi ricevere supplenze fantasiose, quando non inesistenti, a scuola iniziata, o trovarsi senza motivo reale esclusi dalle procedure”.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Fedez contro Gramellini: “Di essere l’idolo della sinistra non mi frega un ca…”
Cronaca / Giovani, precari e depressi: l’impatto delle disuguaglianze sulla salute mentale delle nuove generazioni
Cronaca / È uscito il nuovo numero di The Post Internazionale. Da oggi potete acquistare la copia digitale
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Fedez contro Gramellini: “Di essere l’idolo della sinistra non mi frega un ca…”
Cronaca / Giovani, precari e depressi: l’impatto delle disuguaglianze sulla salute mentale delle nuove generazioni
Cronaca / È uscito il nuovo numero di The Post Internazionale. Da oggi potete acquistare la copia digitale
Cronaca / Strage Suviana, trovati i corpi di due dispersi: salgono a cinque le vittime accertate
Cronaca / Meteo, temporali e grandine al Nord, temperature giù al Centro-Sud
Cronaca / Epidemia di morbillo in Italia, Bassetti: "Il peggio arriverà in estate"
Cronaca / Vincenzo, Mario, Pavel: chi sono i tre lavoratori morti nell’esplosione della centrale di Suviana
Cronaca / Enrico Varriale al processo per stalking: "Le ho dato uno schiaffo"
Cronaca / Esplosione alla centrale idroelettrica della diga di Suviana: tre morti, tre feriti gravi e sei dispersi
Cronaca / Ancora un morto sul lavoro: operaio folgorato in un cantiere a Taranto