Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 07:35
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cronaca

Savona, sbranato dal mastino napoletano dei vicini: muore dopo 3 giorni di atroci sofferenze

Immagine di copertina

SBRANATO CANE VICINI – È morto dopo tre giorni di agonia in ospedale Giampaolo Rebella, dipendente dell’azienda dei rifiuti del Comune di Stella, in provincia di Savona, che era stato azzannato dal cane del vicino di casa.

Un’aggressione, quella del mastino napoletano di 2 anni e circa 90 chili, che aveva provocato a Rebella, 55 anni, ferite gravissime alla testa, alle braccia e alle gambe.

Trasportato con urgenza all’ospedale San Martino, l’uomo è stato operato due volte dai medici. La seconda operazione chirurgica era finalizzata a ricostruire il volto dell’uomo, sfigurato dall’aggressione, e a ridurre le fratture.

Rebella però non ce l’ha fatta ed è deceduto. Aveva dei precedenti problemi di salute, aggravati dalla colluttazione con il cane.

Tutto è avvenuto quando il 55enne stava rientrando a casa dal lavoro. Varcato il cancello di ingresso della villetta, l’uomo è stato aggredito dal mastino napoletano dei vicini. Ha tentato di difendersi con le braccia e le gambe, ma nulla ha potuto contro la furia del cane.

Il proprietario dell’animale è stato iscritto nel registro degli indagati. La procura ha ipotizzato a carico dell’uomo il reato di omicidio colposo. Ad aprire il fascicolo è stato il sostituto procuratore di Savona Elisa Milocco.

È stata disposta anche l’autopsia sul corpo della vittima. L’obiettivo degli inquirenti è quello di ricostruire l’esatta dinamica dei fatti, per capire se il proprietario del cane abbia peccato di negligenza, non controllando a sufficienza il mastino e contribuendo così a provocare, in maniera involontaria, la tragedia.

L’animale attualmente è stato posto sotto sequestro e rinchiuso in una gabbia.

La notizia della morte di Rebella ha scosso familiari, amici e i colleghi di lavoro dell’ATA, l’azienda di rifiuti in cui lavorava il 55enne. Sui social sono stati moltissimi i messaggi pubblicati per ricordare un uomo apprezzato da tutti, e vittima di una terribile (e forse evitabile) tragedia.

Roma, padrone ucciso dal suo cane corso durante una passeggiata
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Strage di Erba, Rosa Bazzi esce ogni giorno dal carcere per lavorare in una cooperativa sociale
Cronaca / Hazbin Hotel, l’anatema dell’Associazione internazionale degli esorcisti contro la serie animata: “Aumenta il rischio di satanismo”
Cronaca / Il generale Vannacci è indagato per truffa e peculato
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Strage di Erba, Rosa Bazzi esce ogni giorno dal carcere per lavorare in una cooperativa sociale
Cronaca / Hazbin Hotel, l’anatema dell’Associazione internazionale degli esorcisti contro la serie animata: “Aumenta il rischio di satanismo”
Cronaca / Il generale Vannacci è indagato per truffa e peculato
Cronaca / Il 10% di tutti gli autovelox del mondo si trova in Italia
Cronaca / Codice della strada, si allenta la stretta sui neopatentati: “Potranno guidare auto di media cilindrata”
Cronaca / Caffè a 50 centesimi se ti porti la tazzina da casa: l’iniziativa di un bar in Molise
Cronaca / Cortei pro Palestina a Firenze e Pisa, cariche della polizia contro i manifestanti
Cronaca / Incidente a Sanremo, 17enne muore schiacciato da camion, grave la sorella 15enne
Cronaca / Molestie in università, alla Sapienza di Roma 13 denunce di studentesse e tirocinanti nel 2023
Cronaca / Nuovo codice della strada, sospensione breve della patente per chi usa il cellulare alla guida