Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 11:44
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cronaca

Salvini ammette: “La Libia non è un porto sicuro”

Immagine di copertina

Salvini Libia non è porto sicuro | La Libia è un porto sicuro? “In questo momento no. La guardia costiera libica sta facendo un buon lavoro, stiamo lavorando con il governo libico perché la situazione torni tranquilla”. A dirlo è Matteo Salvini, che commenta la situazione incandescente sulle coste nordafricane.

E ai giornalisti che gli chiedono se i migranti in partenza, probabilmente fino a 8mila, saranno redistribuiti in Europa, Salvini risponde: “No, non è questo l’obiettivo, c’è una guardia costiera che lavora bene, c’è un governo legittimamente riconosciuto e con loro ragioniamo”.

E a chi critica le politiche migratorie del governo risponde: “Stiamo facendo i corridoi umanitari, non si sono mai interrotti i corridoi umanitari. Ne arrivano a centinaia con i corridoi umanitari, non è una novità li ho firmati io personalmente”, ha concluso.

Intanto, sulla vicenda della nave Alex di Mediterranea, diretta a Lampedusa in questi minuti, commenta: “La nave dei centri sociali, che a quest’ora sarebbe già arrivata a Malta che aveva dato la disponibilità di un porto sicuro, infrange la legge, ignora i divieti ed entra in acque italiane. Le Forze dell’ordine sono pronte ad intervenire, vediamo se anche in questo caso la ‘giustizia’ tollererà l’illegalità: in un Paese normale arresti e sequestro della nave sarebbero immediati. Questi non sono ‘salvatori’, questi sono complici dei trafficanti di esseri umani”.

Le ong sostengono da mesi che la Libia non è un porto sicuro, e di conseguenza portare i migranti salvati in mare indietro in territorio libico è una soluzione impraticabile.

La stessa commissione Ue, in pieno caso Sea Watch, qualche settimana fa, aveva detto: “Tutte le imbarcazioni che navigano con bandiera Ue sono obbligate a rispettare il diritto internazionale quando si tratta di ricerca e soccorso, cosa che comprende la necessità di portare le persone salvate in un porto sicuro. La Commissione è sempre detto che queste condizioni attualmente non ci sono in Libia”.

Ora più che mai la Libia non è un porto sicuro: i centri per migranti di Tripoli sono un inferno
Migranti, un rapporto Onu denuncia gli “orrori inimmaginabili” cui sono sottoposti in Libia
Bombardamento in Libia: le guardie sparavano ai migranti che cercavano di fuggire
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Autovelox non omologati, la Cassazione accoglie il ricorso: multa non valida
Cronaca / Premio Guido Carli: la festa dell’eccellenza italiana
Cronaca / Milano, violenze e torture nel carcere minorile Beccaria: arrestati 13 agenti penitenziari, altri 8 sospesi
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Autovelox non omologati, la Cassazione accoglie il ricorso: multa non valida
Cronaca / Premio Guido Carli: la festa dell’eccellenza italiana
Cronaca / Milano, violenze e torture nel carcere minorile Beccaria: arrestati 13 agenti penitenziari, altri 8 sospesi
Cronaca / Salerno, bambino di 15 mesi muore azzannato da due pittbull
Cronaca / Neve a bassa quota e gelo artico, torna l'inverno sull'Italia
Cronaca / Navigatore solitario disperso in mare tra Grecia e Italia: salvato dalla Guardia Costiera
Cronaca / Omicidio Mollicone, la testimone: “Serena ha litigato con un ragazzo il giorno della scomparsa”
Cronaca / Montepulciano, 23enne morto sul lavoro: è stato colpito al petto da un tubo di ferro
Cronaca / Milano, abusi su bambine in una scuola materna: maestro arrestato
Cronaca / Napoli, traghetto da Capri urta banchina: una trentina i feriti, uno in codice rosso