Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 19:58
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

Il gestore del San Calisto: “I ragazzi non ce la fanno più, contro gli assembramenti servono eventi culturali in ogni piazza”

Immagine di copertina
Marcello Forti, gestore del bar San Calisto di Roma

Roma, il gestore del San Calisto: “I ragazzi non ce la fanno più”

Il bar San Calisto di Roma è un’istituzione per la capitale e per l’omonima piazza che sorge nel cuore di Trastevere. A gestirlo da 50 anni Marcello Forti, 75 anni, che in un’intervista al Corriere della Sera ha denunciato gli effetti delle chiusure sullo stato del quartiere. Il San Calisto rappresentava il cuore del divertimento dei giovani romani ora costretti a restare a casa. Per Forti “i ragazzi non ce la fanno più” e di sera, quando le saracinesche chiudono, si riversano dove possono con gli alcolici acquistati nei supermercati, nei vicoli fuori dal suo locale. Ma senza controllo aumentano le risse e gli assembramenti.

Secondo Forti la piazza dovrebbe essere più controllata dalle forze dell’ordine, soprattutto dopo le 18. “Stanno tutt’insieme a centinaia, ubriachi, nelle stradine nascoste. E scoppiano risse. Così non usciamo più dalla pandemia“, osserva Marcello, e teme che il suo bar non torni più a lavorare a pieno ritmo, perché con gli assembramenti incontrollati il virus continuerà a circolare. Fino a febbraio del 2020 il San Calisto serviva caffè, birre, granite o alcolici dal mattino fino a tarda notte, animando le serate trasteverine.

“Su questo bar vivono dieci famiglie. L’anno scorso ho anticipato la cassa integrazione ai dipendenti, ma quest’anno dopo oltre un anno e mezzo di lavoro dimezzato anch’io sono in difficoltà. I dipendenti hanno avuto pochissimo. Ringrazio lo Stato per i ristori che mi hanno aiutato, perché se dichiari tutto e sei in regola i ristori congrui arrivano. Ma ora ci devono sostenere per riaprire, perché se non lavoriamo non paghiamo le tasse e quindi lo Stato fallisce insieme a noi. Sono troppi i locali qui al rione che non riapriranno, vederli chiusi è un dolore”, dice Marcello.

“Le istituzioni devono aumentare le offerte all’aria aperta, quindi dare spazio e possibilità a tutti quelli che hanno una buona idea”, continua, invitando a replicare iniziative come quelle del cinema in piazza ideata dai Ragazzi del Cinema America. “Se invece di un mese potessero lavorare tutta l’estate anche piazza San Cosimato sarebbe un luogo di attrazione. Allora, se un gruppo viene a piazza San Calisto, un altro va a piazza Trilussa e altri vanno nelle altre piazze, dove magari si organizzano concerti o ci sono altri bar con tavolini, la concentrazione di persone diminuisce”, osserva ancora Forti. “Sicuramente più offerte in piazze diverse aiutano molto, ma i controlli sono importanti”, conclude.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Processo Ruby ter, Berlusconi assolto a Siena
Cronaca / Covid, oggi 3.794 casi e 36 morti: tasso di positività allo 0,7%
Cronaca / È arrivato il numero 6 del settimanale di The Post Internazionale. Da oggi potete acquistare la copia digitale
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Processo Ruby ter, Berlusconi assolto a Siena
Cronaca / Covid, oggi 3.794 casi e 36 morti: tasso di positività allo 0,7%
Cronaca / È arrivato il numero 6 del settimanale di The Post Internazionale. Da oggi potete acquistare la copia digitale
Cronaca / Proteste no green pass: domani attese 20mila persone a Trieste. Genova, sgomberato presidio al porto
Cronaca / Brescia, 49enne uccide a martellate in strada la ex fidanzata. Poi chiama i Carabinieri
Cronaca / Tragedia sul lavoro a Bologna: operaio di 22 anni muore schiacciato da un camion
Cronaca / Covid, oggi 3.702 casi e 33 morti: tasso di positività allo 0,8%
Cronaca / Attacco hacker alla Siae: rubati i dati degli artisti e chiesto un riscatto di 3 milioni
Cronaca / Madre di due bambini muore per tumore al seno diagnosticato tardi: ginecologa a processo per omicidio
Cronaca / Obbligo vaccinale per personale medico, la sentenza del Consiglio di Stato: “È legittimo”