Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 07:25
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cronaca

Roma, la lettera del poliziotto che ha travolto e ucciso Simone Sperduti: “Dovevo morire io”

Immagine di copertina

Andrea Persi, 46 anni, è l’agente della Polfer che alle 4 di mattina di mercoledì 24 agosto ha travolto e ucciso Simone Sperduti, il ragazzo di nemmeno vent’anni che sognava di diventare un vigile del fuoco come il papà. L’uomo, durante l’udienza di convalida del fermo a piazzale Clodio a Roma, ha consegnato al giudice per le indagini preliminari, Anna Maria Gavoni, la lettera che ha scritto ai genitori della vittima . “Mi inginocchierei ai piedi per chiedervi perdono. Ho paura, so che voi ne avete più di me. Ho sbagliato, cavolo ho sbagliato. Avrei voluto morire io. Dovevo morire io. Vi chiedo perdono”, si legge. Quella mattina, Persi ha guidato ubriaco e drogato la sua Opel Meriva in via Prenestina, a Roma. Arrivato all’altezza dello svincolo per il Grande raccordo anulare, l’agente ha svoltato a sinistra e ha preso in pieno Simone che era a bordo del suo scooter, una Honda Sh 300.

Già nel 2009 e nel 2014, Persi si era messo alla guida ubriaco e drogato. Questa volta aveva anche la patente scaduta da quattro anni.

“Niente vi ridarà più vostro figlio, ma io farò qualsiasi cosa possa aiutarvi. Vi chiedo perdono, e a Dio. Avrei dovuto morire io. Ho il cuore in pezzi, ma so che è nulla rispetto a quello che state provando voi. Odiarmi è il minimo”, si legge ancora nella lettera che il poliziotto ha inviato alla famiglia. Secondo il suo l’avvocato, Pamela Strippoli, “ha ben capito le sue responsabilità”. Ha anche spiegato che non si è sottratto alle domande del gip ammettendo di aver guidato ubriaco e drogato. L’uomo si era allontanato dal lavoro per problemi di salute, ha spiegato l’avvocato, e sarebbe dovuto tornare in servizio il 24 ottobre. Persi, che è accusato di omicidio stradale aggravato, resta in carcere. Il gip ha convalidato l’arresto.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Spara e uccide l’amico durante una battuta di caccia al cinghiale: indagato 76enne
Ambiente / Milano, arriva il primo palazzo “Net carbon zero” che si comporta come un albero
Cronaca / Aereo ultraleggero precipita nel mantovano: un morto e tre feriti gravi
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Spara e uccide l’amico durante una battuta di caccia al cinghiale: indagato 76enne
Ambiente / Milano, arriva il primo palazzo “Net carbon zero” che si comporta come un albero
Cronaca / Aereo ultraleggero precipita nel mantovano: un morto e tre feriti gravi
Cronaca / Milano, calci e schiaffi a una bimba di 8 mesi: è gravissima. Fermato il compagno della madre
Cronaca / Bollette da 500mila euro, chiude storica catena d’hotel in Puglia: “Trecento dipendenti a casa”
Cronaca / Cosenza, uccide l’ex compagna a colpi di pistola e si suicida: avevano una figlia
Cronaca / Roma, 40enne violentata alla Garbatella: l’aggressore in fuga
Cronaca / Gas, la Russia azzera le forniture all’Italia
Cronaca / Treviso, ruba tre auto e scappa: durante la fuga uccide un ciclista
Cronaca / Maltempo in Sicilia, trombe d’aria e fiumi di fango. Un autobus si ribalta