Covid ultime 24h
casi +26.323
deceduti +686
tamponi +225.940
terapie intensive -20

Bambino di tre anni dimenticato sullo scuolabus a Roma: passa 4 ore da solo nel deposito

Di Anna Ditta
Pubblicato il 20 Nov. 2020 alle 12:43
90
Immagine di copertina

Un bambino di tre anni è rimasto per circa 4 ore all’interno dello scuolabus con cui ogni giorno viene portato all’asilo, dopo essere stato dimenticato a bordo. Il mezzo era parcheggiato in un deposito nel Comune di Fonte Nuova. Quando è stato scoperto l’accaduto, i genitori sono stati informati dalla ditta di trasporti. A riportare la notizia è Repubblica.

Il bambino era salito sullo scuolabus nella frazione di Santa Lucia, diretto all’asilo di via Campania, dove però non è sceso. È stato trovato terrorizzato e con i pantaloni bagnati per lo spavento, è ora assistito da una psicologa.

La vicenda è successa lo scorso 10 novembre e su quanto accaduto stanno indagando i carabinieri della stazione di Mentana, che hanno raccolto la denuncia dei genitori e stanno preparando un’informativa da inviare alla Procura della Repubblica di Tivoli.

L’ipotesi è che il piccolo si sia addormentato e né l’autista né la responsabile dello scuolabus se ne siano accorti. Gli investigatori stanno in particolare verificando tutte le eventuali responsabilità da parte della ditta incaricata del trasporto scolastico e della stessa scuola.

Un episodio simile era avvenuto lo scorso settembre, quando un bambino di 6 anni è stato dimenticato sullo scuolabus dopo essersi addormentato nel tragitto tra Venezia e Treviso. Anche in quel caso nessuno si è accorto di lui, così quando si è svegliato, trovandosi nel deposito con le porte chiuse, il bambino ha rotto il vetro ed è riuscito ad uscire dal mezzo.

Leggi anche: 1. Thailandia, bambino di 2 anni dimenticato nello scuolabus: muore dopo 4 giorni in coma/2. Esclusivo TPI – “Nessun richiamo ai bambini perché non hanno abbastanza dosi di vaccino”: l’accusa delle mamme all’Ats di Milano

90
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.