Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 12:27
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cronaca

Roma, allarme vespa orientalis. Aumentano le segnalazioni: “Portano via le crocchette di cani e gatti sui balconi”

Immagine di copertina
Credit: ANSA / MATTI PAAVOLA

Sono aumentate le segnalazioni di vespa orientalis a Roma. I primi nidi erano stati individuati a fine luglio e finora l’etologo e zoofilo naturalista, Andrea Lunerti, ne ha eliminati quindici all’interno di aree private. Su quelle pubbliche, invece, non può intervenire, come ha spiegato a Repubblica.

L’allarme arriva soprattutto dai quartieri di Monteverde, Prati e dal centro storico della Capitale. Sono così tanti i casi che è diventato difficile gestirli tutti.”Le intercapedini sono i punti preferiti per mettere su ‘casa’. Il caldo ha fatto il resto, creando una situazione favorevole per queste vespe che fino a metà ottobre alleveranno le regine: quelle che l’anno prossimo daranno vita a nuovi nidi”, ha spiegato Lunerti, come si legge su Repubblica.

Questi insetti sarebbero attirati dai rifiuti, soprattutto dalla carne in putrefazione, e sui balconi starebbero portando via il cibo di cani e gatti – le crocchette e non solo l’umido – come segnalato su un gruppo Facebook del quartiere Monteverde.

Le vespe non nidificano tanto sugli alberi quanto nelle fessure dei palazzi. Il timore, infatti, è che possano esserci casi all’interno degli edifici scolastici che da giugno non vedono la presenza di studenti. Lunerti ha anche spiegato che è importante effettuare un controllo prima dell’inizio dell’attività didattica.

I punti più a rischio sono le aree verdi – da Villa Pamphilj, dove sono state già individuate, a Monte Mario – , i palazzi storici – in particolare quelli che non vengono ristrutturati da più tempo – e gli edifici che affacciano sui cassonetti dell’immondizia.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Neve a bassa quota e gelo artico, torna l'inverno sull'Italia
Cronaca / Navigatore solitario disperso in mare tra Grecia e Italia: salvato dalla Guardia Costiera
Cronaca / Omicidio Mollicone, la testimone: “Serena ha litigato con un ragazzo il giorno della scomparsa”
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Neve a bassa quota e gelo artico, torna l'inverno sull'Italia
Cronaca / Navigatore solitario disperso in mare tra Grecia e Italia: salvato dalla Guardia Costiera
Cronaca / Omicidio Mollicone, la testimone: “Serena ha litigato con un ragazzo il giorno della scomparsa”
Cronaca / Montepulciano, 23enne morto sul lavoro: è stato colpito al petto da un tubo di ferro
Cronaca / Milano, abusi su bambine in una scuola materna: maestro arrestato
Cronaca / Napoli, traghetto da Capri urta banchina: una trentina i feriti, uno in codice rosso
Cronaca / Marco Luis (“il bodybuilder più pompato di sempre”) è morto a 46 anni per cause ignote
Cronaca / Armato a San Pietro: arrestato a Roma super ricercato
Cronaca / Come si entra nei Servizi segreti? Ecco il bando per nuovi 007
Cronaca / In 2 anni 32.500 posti in meno negli ospedali italiani