Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 19:59
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cronaca

Rivoluzione Elkann, la vendita dell’Espresso è solo l’inizio: “Toccherà anche ad Huffington”

Immagine di copertina

La “rivoluzione” Elkann è partita dall’Espresso ma non è finita qui. Presto potrebbe toccare alla Stampa e alla Huffington Post. Ma andiamo con ordine. Il proprietario del gruppo Gedi John Elkann ha deciso di vendere la storica testata del settimanale d’area progressista L’Espresso all’imprenditore Danilo Iervolino, patron della Salernitana.

In tutta risposta Marco Damiliano si è dimesso dalla direzione in protesta sia con la scelta (definita “scellerata”) sia con le modalità con cui Elkann sta portando a termine l’affare (“L’ho saputo mercoledì dal tweet di un collega”, accusa Damilano polemicamente, sottolineando come sia stato rotto il patto di lealtà tra editore e direttore). Al suo posto arriverà Lirio Abbate. Già firma di punta del settimanale, “autore di numerose inchieste sulle mafie e le collusioni dei politici con i boss”. Rimane da capire però se la nomina di Abbate sia stata scelta in via del tutto transitoria o se è destinato a durare. In ogni caso, la redazione è letteralmente in rivolta contro Elkann.

In una nota, il Comitato di redazione dell’Espresso assicura di condividere “pienamente le motivazioni delle dimissioni del direttore Marco Damilano, a cui esprime la sua totale solidarietà e che ringrazia per questi quattro anni insieme”. “Esponendosi in prima persona – si legge -, Marco Damilano ha dato risalto a una ‘decisione scellerata’ che impoverisce il gruppo Gedi e l’intero panorama dell’informazione italiana. Recidere L’Espresso, la radice da cui è nato questo gruppo editoriale, mette a rischio la tenuta di tutta l’azienda”, si legge ancora nella nota del cdr.

“Siamo consapevoli dello stato di difficoltà in cui versa il giornalismo, ma Gedi è nel cuore di questa crisi, come dimostrano i numerosi avvicendamenti al suo vertice e alla guida delle sue principali testate. Un’assenza di strategia che ora si vuole far pagare all’Espresso. Noi giornalisti continueremo a difendere l’identità, l’anima e il ruolo civile, politico e culturale della nostra testata. Per questo la redazione è da oggi in stato di agitazione, e proclamerà le giornate di sciopero necessarie per impedire l’uscita del numero dell’Espresso attualmente in lavorazione”, conclude il cdr del settimanale.

Una situazione decisamente imbarazzante anche per Lirio Abbate, chiamato ad una missione estremamente difficile. Ma c’è dell’altro, perché l’agitazione dei giornalisti del gruppo Gedi pervade anche altre testate e soprattutto le modalità con cui le decisioni vengono prese, negando fino all’ultimo le vere intenzioni anche ai diretti interessati probabilmente per evitare fughe di notizie che potrebbero far saltare i piani.

È possibile, secondo fonti molto bene informate, che sia iniziato un repulisti che presto riguarderà anche altre testate e nomi eccellenti, come quello, ad esempio, di Massimo Giannini. Potrebbe essere lui il prossimo ad essere sostituito. Non a tutti piace il suo “sbilanciamento” verso sinistra. Al suo posto, alla guida della Stampa potrebbe arrivare Mattia Feltri attualmente alla guida della Huffington (Il timore poi è che anche la testata on-line presto o tardi possa fare la fine dell’Espresso e uscire dal perimetro Gedi). Ovviamente anche la Stampa verrebbe ridimensionata diventando un giornale più focalizzato sul territorio, un po’ come il Messaggero a Roma. Insomma, soltanto Repubblica è destinata a rimanere testata nazionale a pieno titolo.

 

 

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Giorgio Napolitano operato a Roma
Cronaca / Covid, 23.976 casi e 91 morti: il bollettino di oggi
Cronaca / Trento: incidente in moto, muoiono marito e moglie. Stavano andando al concerto di Vasco Rossi
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Giorgio Napolitano operato a Roma
Cronaca / Covid, 23.976 casi e 91 morti: il bollettino di oggi
Cronaca / Trento: incidente in moto, muoiono marito e moglie. Stavano andando al concerto di Vasco Rossi
Cronaca / Udine, ultraleggero precipita in un bosco. Morto il passeggero
Cronaca / Genova, morto un giovane travolto da un’auto dentro un garage
Cronaca / Merano, alternanza scuola-lavoro: ragazzo di 17 anni si ustiona gravemente in officina
Cronaca / Genova, cade in mare con l’auto di servizio: morto dipendente dell’aeroporto
Cronaca / L’Aquila, la zia di Tommaso: “Non c’è colpa, né voglia di giustizia”
Cronaca / I genitori del piccolo Tommaso si dovevano sposare: “Non ci sarà nessun matrimonio”
Cronaca / Riceve bolletta da 33mila euro, 75enne colpita da un malore: ora la prima vittoria in tribunale