Covid ultime 24h
casi +17.455
deceduti +192
tamponi +257.024
terapie intensive +15

C’è anche Diletta Leotta tra le vittime di revenge porn: chiusi 3 canali Telegram

In seguito alla denuncia della Leotta, la polizia postale ha individuato 3 amministratori di gruppi Telegram

Di Redazione TPI
Pubblicato il 1 Mag. 2020 alle 08:41 Aggiornato il 1 Mag. 2020 alle 08:41
56
Immagine di copertina
Crediti: Instagram

Anche Diletta Leotta vittima di revenge porn

Diletta Leotta è una delle tante vittime di revenge porn, ma è stato grazie alla sua denuncia che è scattata l’operazione “Drop The Revenge” della polizia postale che ha portato alla denuncia degli amministratori di tre canali Telegram, all’interno dei quali erano presenti immagini denigranti e contenuti offensivi. La Leotta, volto conosciuto e ben affermato di Sky e Dazn, si è esposta in prima persona per fermare un crimine che prende sempre più piede, crimine perché punibile secondo la legge: è un reato disciplinato dall’articolo 612 ter del codice penale che punisce tutti quelli che cedono, diffondono o inviano immagini e video a contenuto sessualmente esplicito, destinati a rimanere privati, senza dunque il consenso delle persone interessate.

Diletta Leotta ha voluto denunciare questo reato che molto spesso rimane sommerso. Anche grazie al contributo di Fedez, che ha raccolto le segnalazioni dei follower, è intervenuta la polizia postale che ha effettuato una vasta operazione, detta appunto Drop The Revenge, in diverse città del paese, identificando e denunciando tre amministratori di canali Telegram: “La Bibbia 5.0”, “Il Vangelo del pelo” e “Stupro tua sorella 2.0”. Tutti e tre i gruppi contano migliaia di utenti: tra questi, un 29enne bergamasco indagato per aver utilizzato i canali in questione per revenge porn nei confronti dell’ex compagna.

L’indagine ha coinvolto le procure di Milano, Palermo, Bergamo e la procura presso il Tribunale per i minorenni di Palermo. L’amministratore di “Stupro tua sorella 2.0” e “Il vangelo del pelo”, un uomo di 35 anni della provincia di Nuoro, è stato beccato su Telegram dagli agenti della polizia, entrati in casa sua. L’amministratore di “Bibbia 5.0” è invece un ragazzo di 17 anni che, vendendo immagini pornografiche dell’archivio, ha raccolto 5mila euro.

Tra le vittime vip non c’è soltanto Diletta Leotta: è stato sequestrato anche materiale sensibile su Wanda Nara, la moglie e procuratrice del calciatore Mauro Icardi.

Leggi anche:

1. “Il mio video intimo girato a 16 anni finito sui cellulari di 77mila persone”: storia di una vittima di Revenge Porn / 2. Va a denunciare il revenge porn. Le rispondono: “Vada via o si prende una denuncia. Non è importante”/ 3. Brescia, clinica licenzia la dottoressa vittima di revenge porn: “Nei video sembra voler ostentare una certa abilità”

56
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.