Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 15:41
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

Regeni, commissione d’inchiesta in missione a Cambridge

Immagine di copertina
Credit: Ansa foto

Nelle prossime ore, una delegazione della Commissione Parlamentare d’inchiesta sulla morte di Giulio Regeni sarà in missione a Cambridge. Lo rende noto l’Ufficio Stampa della Commissione. La delegazione, di cui farà parte il Presidente Erasmo Palazzotto, si recherà nella città inglese per svolgere in loco le audizioni di alcuni rappresentanti dell’Università di Cambridge.

“Nell’ambito delle attività di indagine della Commissione volte ad accertare la verità sulla morte di Giulio Regeni, l’Ufficio di Presidenza ha ritenuto di assoluta rilevanza le suddette audizioni”, si legge sul comunicato.

In questi anni, il ruolo della tutor di Giulio è rimasto sempre in ombra. Per Maha Mahfouz Abdelrahman, docente all’università di Cambridge che seguiva il lavoro del dottorando italiano in Egitto, i magistrati della Procura di Roma che hanno indagato sulla fine del 28enne originario di Fiumicello hanno rilevato “l’assenza di volontà di contribuire alle indagini relative al sequestro, la tortura e l’omicidio di un suo studente; quali siano le ragioni di siffatta anomala condotta non è stato possibile, sino ad oggi, accertare”.

In particolare dal pc della docente, acquisito attraverso l’autorità giudiziaria del Regno Unito, è spuntata una mail inviata a una collega canadese quattro giorni dopo il ritrovamento del cadavere di Giulio, il 7 febbraio 2016, in cui la professoressa scriveva: “Ho mandato un giovane ricercatore verso la sua morte… Indicare alle persone come fare ricerca è qualcosa che, penso, sento di non dover più fare”.

Secondo la Procura quel messaggio di posta elettronica rivela sia il “rimorso della docente per la sorte toccata al suo ricercatore”  ma anche la “leggerezza che aveva caratterizzato la sua gestione del dottorando Regeni, soprattutto nella fase di invio sul campo”.

Era stata proprio Maha Mahfouz Abdelrahman a suggerire a Giulio Regeni di concentrare i suoi studi e le ricerche in Egitto sul “ruolo dei lavoratori nella rivoluzione nell’era post-Mubarak” e in particolare sul ruolo dei sindacati autonomi, mentre lei ha affermato che fu un’iniziativa di Regeni.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / In 60mila a piazza San Giovanni dopo l’assalto alla Cgil. Landini: “Difendiamo la democrazia”
Cronaca / Green Pass, l’Italia non si blocca: proteste in tutto il Paese contro l’obbligo sul luogo di lavoro, ma senza disagi
Cronaca / Covid, oggi 2.732 casi e 42 morti: il bollettino del 15 ottobre 2021
Ti potrebbe interessare
Cronaca / In 60mila a piazza San Giovanni dopo l’assalto alla Cgil. Landini: “Difendiamo la democrazia”
Cronaca / Green Pass, l’Italia non si blocca: proteste in tutto il Paese contro l’obbligo sul luogo di lavoro, ma senza disagi
Cronaca / Covid, oggi 2.732 casi e 42 morti: il bollettino del 15 ottobre 2021
Cronaca / Due gemelli cambiano sesso lo stesso giorno: Giulio e Guido sono Giulia e Gaia
Cronaca / Addio ad Alitalia, nasce Ita Airways: nuovo logo, aerei azzurri e tricolore sulla coda
Cronaca / Green Pass, i no vax Barillari e Cunial occupano gli uffici della Regione Lazio
Cronaca / Green Pass obbligatorio, ma i tamponi non bastano per tutti i lavoratori
Cronaca / I No Pass non fermano l'Italia: niente blocco a Trieste
Cronaca / Lo storico Emilio Gentile a TPI: “Sciogliere Forza Nuova? Attenzione all’effetto martirio”
Cronaca / Viaggio nella galassia No pass: “Non siamo tutti fascisti”