Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 19:58
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cronaca

Il Reddito di cittadinanza toglie “picciotti” a Cosa Nostra. E i nemici dei poveri vanno in tilt

Immagine di copertina

"E con questa minchia di reddito di cittadinanza peggio è!", dice un boss che non trova manodopera per lo spaccio di droga. Ma gli oppositori del Rdc trovano comunque il modo di prendersela col Rdc

«E con questa minchia di reddito di cittadinanza peggio è! Quello già dice “Io ho 1.200 euro al mese, che minchia vengo a fare?”». Palermo: Giuseppe Incontrera, capo clan di Cosa Nostra, sta parlando con Andrea Damiano, con cui gestisce lo spaccio di droga nella zona di Porta Nuova. Il boss si lamenta perché, per colpa del sussidio ai poveri versato dallo Stato, non trova «picciuoteddi» da reclutare per lo smercio illegale. La conversazione risale a inizio 2020 ed emerge da un’intercettazione della Dda del capoluogo siciliano nell’ambito dell’operazione “Vento”: 18 arresti nei giorni scorsi per associazione mafiosa, traffico di stupefacenti, estorsione e rapina. Incontrera, l’uomo che parla, farà una brutta fine: il 30 giugno scorso è stato ucciso in un agguato da tre colpi di pistola. Ora, al di là dell’inverosimiglianza della cifra menzionata a proposito del reddito di cittadinanza – 1.200 euro al mese, quando l’importo medio è 553 euro – la notizia che l’assegno pubblico possa costituire un disincentivo a delinquere ha mandato in crisi di nervi i grandi nemici del Rdc.

Quelli secondo cui le poche centinaia di euro del sussidio spingono i percettori a restare tutto il giorno sul divano rifiutando le innumerevoli offerte di lavoro che ricevono. Che poi, i nemici del reddito di cittadinanza sono gli stessi che puntualmente si dimenticano di dire qualcosa sul fatto che siamo il Paese dove si pagano i salari più bassi d’Europa e dove un quinto degli occupati è precario. Su Repubblica, ad esempio, la notizia dell’intercettazione arrivata da Palermo è stata commentata così, un po’ a denti stretti: «Ai picciotti basta un sussidio e loro rinunciano a spacciare droga, a minacciare i commercianti, a rubare su commissione. Da questo punto di vista il reddito di cittadinanza ha funzionato. Ma ora bisognerebbe convincere i criminali mancati a cercare un lavoro onesto. Di offerte se ne trovano. Solo che, appunto, c’è da lavorare». Come se incassare l’assegno di povertà fosse qualcosa ai limiti della disonestà.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Il vescovo emerito di Chioggia: “Vorrei che Berlinguer fosse aggredita e che le forze dell’ordine si girassero”
Cronaca / Denis Verdini torna in carcere: “Evase dai domiciliari per partecipare a tre cene”
Cronaca / Femminicidio nel Padovano: 41enne trovata morta, si cerca il marito
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Il vescovo emerito di Chioggia: “Vorrei che Berlinguer fosse aggredita e che le forze dell’ordine si girassero”
Cronaca / Denis Verdini torna in carcere: “Evase dai domiciliari per partecipare a tre cene”
Cronaca / Femminicidio nel Padovano: 41enne trovata morta, si cerca il marito
Cronaca / Dieci promossi su 408 candidati: Burioni boccia quasi tutti all’esame di Microbiologia al San Raffaele
Cronaca / Botte e bruciature di sigaretta: a processo madre di due bimbi di 6 e a 8 anni
Cronaca / Mali, liberati i tre italiani sequestrati nel maggio del 2022
Cronaca / Pisa, la procura indaga per lesioni volontarie e violenza privata. Piantedosi: “Casi isolati”
Cronaca / Drusilla Foer ricoverata in ospedale per una polmonite bilaterale: “Mi sto curando”
Cronaca / Bologna, morì a 4 anni per diagnosi errata. Infermiera assolta ma “ostacolò le indagini per salvare se stessa”
Cronaca / È morto Ernesto Assante, storica firma di "Repubblica"