Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 18:43
Pirelli Summer Promo
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cronaca

“Ketamina 5 euro, Lsd 10: al rave di Viterbo c’era il mercato della droga”: il racconto di un partecipante

Immagine di copertina
Credit: ANSA

Al contestatissimo rave di Viterbo “sulle auto erano stati allestiti cartelli con i prezzi delle sostanze. Ketamina: 5 euro. Lsd: 10 euro. E via così”. Lo ha raccontato al Corriere della Sera un ragazzo che ha partecipato al raduno clandestino, durante il quale un 25enne è morto annegato nel lago di Mezzano.

S&D

Ma, sottolinea il testimone, “c’erano anche i laboratori della riduzione del danno, dove le sostanze venivano preventivamente analizzate per non correre rischi inutili”. E poi “opuscoli con informazioni di base diffusi fra i presenti per evitare comportamenti dannosi”.

A parlare è Andrei, 24enne italo-romeno residente a Modena. Che conferma l’assoluta segretezza, fino all’ultimo, sul luogo dell’evento: “Il giorno prima mi è stato detto di trovarmi a Chiusi (paese in provincia di Siena, ndr) a mezzanotte e avrei avuto l’indirizzo preciso”.

Al rave, racconta, c’erano “quindici stage con casse acustiche, la musica elettronica sfondava l’orizzonte, perfetta”. La specialità alimentare della festa era la pizza fatta con farina di canapa: “Se non ti fai spendi poco. Io me la sono cavata con quaranta euro in cinque giorni, più i soldi del treno per tornare a Modena”.

Ora “sto per partire per la vendemmia in Provenza: otto settimane di fatica poi vado a riposarmi in Marocco”. E a settembre un altro rave, in Albania: “Ma dove si svolgerà esattamente non lo sappiamo neppure noi che siamo nei gruppi Telegram dedicati agli eventi”, dice Andrei.

Prima del rave di Viterbo, ce n’era stato uno in Francia: “A maggio scorso, un free party con 5 mila persone a Redon, in Bretagna. Solo che lì la polizia ha caricato quasi subito”.

Secondo il ragazzo “negli altri Paesi è molto accentuato l’aspetto di comunità, il senso collettivo della cosa. Ma in Italia, Paese di ragazzi viziati, si pensa più al business, lo spaccio è molto diffuso e c’è chi approfitta delle circostanze”.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Venezia: dal campanile di San Marco cadono alcuni pezzi di cemento armato
Cronaca / Femminicidi, Amnesty: "97 donne uccise, 64 da partner o ex"
Cronaca / Pandoro Ferragni-Balocco, per il giudice ci fu una “pratica commerciale scorretta”
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Venezia: dal campanile di San Marco cadono alcuni pezzi di cemento armato
Cronaca / Femminicidi, Amnesty: "97 donne uccise, 64 da partner o ex"
Cronaca / Pandoro Ferragni-Balocco, per il giudice ci fu una “pratica commerciale scorretta”
Cronaca / Piero Fassino denunciato per furto a Fiumicino: “Ma io volevo pagare”
Cronaca / Roma, ventenne stuprata da due nordafricani: adescata su Instagram
Cronaca / Processo Bochicchio, altro rinvio. E ora le parti civili puntano a far riaprire le indagini
Cronaca / Roma, allarme in hotel del centro per esalazioni tossiche: cinque intossicati
Cronaca / Roma, ragazza precipita da muro del Pincio: portata in codice rosso in ospedale
Cronaca / TPI insieme a Domani per la libertà di stampa in Italia
Cronaca / L’influencer Elena Berlato aggredita e rapinata a Milano: “Sono finita in ospedale”