Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 20:13
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cronaca

Quirinale, Enrico Letta apre al dialogo con Giorgia Meloni: “Va coinvolta l’opposizione”

Immagine di copertina

Quirinale, Enrico Letta apre al dialogo con Giorgia Meloni: “Va coinvolta l’opposizione”

Enrico Letta ha aperto al dialogo con l’opposizione, guidata da Giorgia Meloni per l’elezione del prossimo presidente della Repubblica dopo la fine del mandato di Sergio Mattarella a inizio febbraio.

“Nella scelta del capo dello Stato va coinvolta l’opposizione”, ha detto ieri il segretario del Partito democratico durante un evento a Roma, in cui era presente anche la presidente di Fratelli d’Italia. “Io ho fatto la mia parte sulla questione Copasir, sono stato tra quelli che hanno favorito il fatto che il presidenza andasse a Fratelli d’Italia”, ha aggiunto. “Sono favorevole che la discussione comprenda Fratelli d’Italia e finisca con un voto di tutti’’.

L’apertura inedita è stata accolta da Giorgia Meloni, che si è detta contraria a un secondo mandato per Mattarella, sostenendo inoltre che Draghi “non sia particolarmente interessato al Quirinale”.

“Sarebbe una grande vittoria della politica aprire un dialogo, non mettere un proprio uomo, l’idea che ho io è quella di un presidente che garantisce il sistema, che sia slegato alle dinamiche”, ha affermato dopo aver detto che “forzare le regole per una seconda volta dopo l’esperienza Napolitano mi pare brutto”.

I due, intervenuti alla presentazione del libro Razza poltrona del giornalista Fabrizio Roncone alla Casa del cinema, si sono detti d’accordo su una legge elettorale che superi le liste bloccate, accusate di vincolare gli eletti ai capicorrente.

“La mia previsione è che l’anno prossimo non ci saranno elezioni anticipate”, ha detto Letta, sottolineando l’importanza della permanenza di Draghi al governo. “Alla luce delle partite europee, con la battaglia sulle nuove regole del patto di stabilità e l’impegno a rendere permanente il Recovery, due sfide contro i paesi frugali, dove dobbiamo portare la Germania dalla nostra parte, credo che avere Draghi primo ministro sia una garanzia. Quindi per me è fondamentale averlo fino al 2023” ha detto.

Meloni è anche tornata sulle polemiche sul reddito di cittadinanza, a cui aveva attribuito la definizione di “metadone di Stato”. “La rivendico”, ha affermato, proponendo invece “un lavoro di cittadinanza”.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Furgone per trasporto disabili finisce sotto un tir sulla A4: ci sono 6 morti
Cronaca / Vasto incendio davanti alla stazione Termini
Cronaca / Salt Bae apre il primo ristorante a Milano: “800 per la bistecca più costosa”. Il menù e i prezzi
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Furgone per trasporto disabili finisce sotto un tir sulla A4: ci sono 6 morti
Cronaca / Vasto incendio davanti alla stazione Termini
Cronaca / Salt Bae apre il primo ristorante a Milano: “800 per la bistecca più costosa”. Il menù e i prezzi
Cronaca / Studenti in piazza a Milano, al corteo contro il governo bruciate le foto di Meloni e Draghi
Cronaca / Il primo furto a 11 anni, le aggressioni ai poliziotti: il passato di “Baby Gang”, arrestato per una sparatoria a Milano
Cronaca / Basilicata, capogruppo di Forza Italia arrestato in un’inchiesta della Dda sulla sanità. Oltre 100 indagati
Cronaca / Milano, faida dei trapper: Baby Gang e Simba La Rue arrestati per la sparatoria di corso Como
Cronaca / Di Maria, ladri nella villa del giocatore della Juve a Torino (mentre lui era in casa)
Cronaca / Roma, i tifosi del Betis Siviglia hanno trasformato Piazza del popolo in una discarica | FOTO e VIDEO
Cronaca / Riscaldamenti, il decreto del ministero: un grado e 15 giorni in meno di accensione