Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 18:39
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cronaca

Sesso con l’alunno 14enne diventato ossessione: spuntano i messaggi della prof al ragazzo. E il bimbo è figlio dell’adolescente

Immagine di copertina
L'insegnante tempestava di messaggi il 14enne

Il ragazzino ha raccontato che l'insegnante lo tempestava di messaggi

“Dove sei?”, “Rispondimi”, “Perché non rispondi”. Spuntano dettagli inquietanti sulla vicenda che vede indagata un’insegnante di 35 anni per violenza sessuale verso un alunno 14enne a Prato.

Dalle ricostruzioni degli inquirenti emerge che la donna era letteralmente ossessionata dal ragazzo e che lo tempestava di messaggi morbosi: “Non mi lasciava in pace, mi voleva sempre con sé”, ha raccontato l’allievo.

Un comportamento compulsivo che ha portato anche a pensare che la donna si sia inventata una falsa paternità. La donna ha infatti dato alla luce un bambino cinque mesi fa raccontando come fosse il frutto della relazione sentimentale con l’alunno, all’epoca 13enne, cui data ripetizioni d’inglese a casa.

Una menzogna? Niente affatto. Questo pomeriggio i genetisti incaricati dalla Procura hanno depositato i risultati degli accertamenti sul Dna prelevato sul bambin confermando che è nato dalla relazione tra la donna e l’adolescente.

Nel frattempo il cellulare della 35enne, infermiera di professione ma che dava anche ripetizioni di inglese, è sotto sequestro per ricostruire le conversazioni avute con il giovane amante e probabilmente cancellate per nascondere le prove.

Una storia dai contorni torbidi e che vede colpite anche altre persone: da una parte la famiglia dell’adolescente che ha denunciato la vicenda alle Autorità facendo scattare le indagini, e dall’altra il marito della donna coinvolta che ha creduto fino ad oggi di essere il padre del bimbo nato qualche mese fa: “Ma lo perdo il figlio”, avrebbe chiesto l’uomo ai poliziotti.

Nel frattempo l’insegnante ha chiesto di incontrare i genitori del ragazzo per raccontare la sua versione e ripreso a lavorare mentre l’allievo è tornato sui banchi di scuola. Un’apparente normalità visto che sulla donna pendono accuse pesantissime.

Leggi anche: Fa sesso con un alunno 13enne: arrestata una professoressa di italiano di 40 anni

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Udine, ha un malore durante una videoconferenza: muore a 32 anni davanti ai colleghi
Cronaca / Nuova maxi bolletta da 20mila euro per la storica gelateria romana Fassi
Cronaca / È uscito il nuovo numero del settimanale di The Post Internazionale. Da oggi potete acquistare la copia digitale
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Udine, ha un malore durante una videoconferenza: muore a 32 anni davanti ai colleghi
Cronaca / Nuova maxi bolletta da 20mila euro per la storica gelateria romana Fassi
Cronaca / È uscito il nuovo numero del settimanale di The Post Internazionale. Da oggi potete acquistare la copia digitale
Cronaca / Inaugurato il vertiporto di Fiumicino: gli aerotaxi decolleranno nel 2024
Cronaca / “Era a caccia di prede. Fermatelo, è un mostro”: il racconto della donna vittima di stupro a Garbatella
Cronaca / Brescia, padre barricato in casa con il figlio: liberato il minore
Cronaca / Roberto Spada è tornato libero: a Ostia festeggiamenti con fuochi d’artificio per il boss della testata
Cronaca / Neonato lasciato in un sacchetto di plastica: “Sta bene, un miracolo che sia vivo”
Cronaca / Roma, attirano in trappola 17enne con sindrome di Down e lo picchiano: sotto accusa sei 15enni
Cronaca / Musei Vaticani, turista americano getta a terra due busti e li danneggia