Covid ultime 24h
casi +13.571
deceduti +524
tamponi +279.762
terapie intensive -26

Pisa, vende le figlie per soldi: primo arresto per induzione al matrimonio introdotto dal Codice Rosso

Le ragazze sono state picchiate, maltrattate e segregate

Di Marco Nepi
Pubblicato il 23 Set. 2019 alle 08:11 Aggiornato il 23 Set. 2019 alle 09:01
0
Immagine di copertina
Immagini generiche

Pisa, vende le figlie per soldi: primo arresto per induzione al matrimonio

Vende le figlie per soldi e viene arrestato per induzione al matrimonio, primo caso in Italia. È accaduto in Toscana. Un uomo, bosniaco di etnia rom, è stato arrestato dalla polizia di Pisa in esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare in carcere perché avrebbe picchiato, maltrattato e segregato le due figlie fidanzate con uomini diversi dai cugini da lui prescelti e a cui le aveva già vendute in cambio di denaro.

L’uomo è stato arrestato per il reato di induzione al matrimonio, introdotto dal cosiddetto Codice Rosso, e si tratta, come spiegato dagli inquirenti, della prima ordinanza di custodia cautelare in carcere eseguita in Italia. Il bosniaco è accusato di reiterate violenze, lesioni, segregazioni nei confronti delle due figlie, una delle quali da poco maggiorenne.

Tutte le notizie di cronaca di TPI

Le violenze risalirebbero sin dalla minore età per una delle due e non si sarebbero limitate a calci, pugni e pratiche umilianti, come quella del taglio dei capelli, ma spesso consistevano in veri propri periodi di segregazione nelle roulotte, dove le ragazze venivano cibate a pane e acqua.

Le punizioni inflitte dal padre non sarebbero state solo finalizzate nel riprendere piccole mancanze in ambito familiare, ma servivano soprattutto a impedire alle due ragazze di frequentare i loro fidanzati, diversi da quelli che il padre aveva prescelto per loro, ovvero due cugini del campo, con le famiglie dei quali aveva già intavolato una trattativa, chiedendo e ottenendo denaro in cambio dell’assenso al matrimonio con le figlie.

Cos’è il Codice Rosso

Il Codice Rosso è stato approvato definitivamente in Parlamento, lo scorso 18 luglio. Il testo prevede l’inasprimento delle pene per chi ha commesso violenza e altre disposizioni come il braccialetto elettronico per gli uomini che ricevono l’ordine di allontanamento. Altro punto essenziale del provvedimento riguarda la velocità delle indagini: per renderle più rapide i magistrati hanno l’obbligo di ascoltare le vittime entro tre giorni dalla denuncia.

L’obiettivo del Codice Rosso è proprio quello di ridurre i tempi per i procedimenti giudiziari per i casi di violenza e stupro fornendo alle donne vittime di maltrattamenti, abusi sessuali e atti persecutori un canale preferenziale per ottenere giustizia.

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.