Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 06:14
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

Ragazzo ucciso a Roma: Scarface, pistole e tatuaggi sul profilo Facebook di Paolo Pirino

Immagine di copertina
Paolo Pirino su Facebook

Paolo Pirino e Valerio Del Grosso sono stati fermati dopo che si erano dati alla fuga a bordo di una Smart bianca

Ragazzo ucciso: Paolo Pirino su Facebook, tra pistole, Scarface e tatuaggi

Tatuaggi, armi, Scarface, lo sguardo di sfida. Il profilo Facebook di Paolo Pirino, 21 anni, uno dei due fermati per l’omicidio di Luca Sacchi a Roma, è un inno alla filosofia del ‘gangsta’ di periferia in chiave Gomorra.

La foto che campeggia sulla pagina del profilo è di tre incappucciati armati. Pirino sfoggia i suoi tatuaggi in più foto, come quello sulla mano sinistra, l’anno di nascita – 1998- e l’effigie della Madonna. Poi tanti post con canzoni neomelodiche e frasi ad effetto e foto che ritraggono Pirino in atteggiamenti da duro, jeans strappati e giubbotti di pelle.

E ancora più giù foto di uomini con mitra e pistole. Ed è una pistola spianata quella che Pirino ha tatuata sul petto assieme all’immagine di tre donne.

Luca Sacchi è stato ucciso la notte del 23 ottobre nella zona di Colli Albani a Roma proprio con un colpo di pistola che lo ha raggiunto alla testa. Un caso trattato almeno all’inizio come una rapina finita nel sangue, ma che si sta delineando sempre di più come un fatto di droga: forse uno scontro con dei pusher.

Paolo Pirino e Valerio Del Grosso sono stati fermati dopo che si erano dati alla fuga a bordo di una Smart bianca. Del Grosso è stato rintracciato in un residence hotel in zona Tor Cervara mentre Pirino era sul terrazzo di una palazzina in zona Torpignattara dove si era nascosto.

L’auto con cui si erano dati alla fuga è stata sequestrata. Ai due si è arrivati anche grazie a una serie di testimoni che hanno fornito elementi determinati per individuare e rintracciare i presunti autori dell’omicidio.

Determinante però è stata la dichiarazione di una madre arrivata in caserma nella notte: “Credo che a uccidere il ragazzo sia stato mio figlio”.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Open Arms, Richard Gere sarà fra i testimoni nel processo a Salvini. Seduta rinviata al 17 dicembre
Cronaca / No green pass, ancora proteste a Roma: oggi due cortei non autorizzati. Nuovo presidio a Trieste
Cronaca / ESCLUSIVO - Gaia Padovani, primo medico non vedente in Italia: "Mi sto specializzando ma ora vogliono impedirmelo"
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Open Arms, Richard Gere sarà fra i testimoni nel processo a Salvini. Seduta rinviata al 17 dicembre
Cronaca / No green pass, ancora proteste a Roma: oggi due cortei non autorizzati. Nuovo presidio a Trieste
Cronaca / ESCLUSIVO - Gaia Padovani, primo medico non vedente in Italia: "Mi sto specializzando ma ora vogliono impedirmelo"
Cronaca / Covid, oggi 3.882 casi e 39 morti: tasso di positività allo 0,8%
Cronaca / Camilla è “morta per reazioni al vaccino AstraZeneca”, le conclusioni del medico legale
Cronaca / “Criminale senza scrupoli”: la garante dei detenuti di Ivrea paragona Draghi a Cesare Battisti
Cronaca / Green pass per lavorare: perché in Italia si e all’estero no
Cronaca / Processo Ruby ter, Berlusconi assolto a Siena
Cronaca / Covid, oggi 3.794 casi e 36 morti: tasso di positività allo 0,7%
Cronaca / È arrivato il numero 6 del settimanale di The Post Internazionale. Da oggi potete acquistare la copia digitale