Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 19:19
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cronaca

Palermo, si offre di ospitare due profughi da Kiev ma poi cambia idea: “Neri no”

Immagine di copertina
Credit: Ansa

“Profughi sì, ma neri no”. Si chiamano Michael e Meshack, hanno 20 anni e sono di origine nigeriana. Una donna si era offerta di ospitarli ma ha fatto marcia indietro quando ha scoperto che erano africani. A raccontare l’assurda vicenda è il Corriere della Sera. Suor Anna Alonzo, che ha accolto i due ragazzi nella sua “Casa della Regina di Pace”, a Casteldaccia, a pochi passi da Palermo, racconta: “Mi ha detto che non voleva ospitava due africani. Due profughi bianchi andavano bene, neri no. Quando sono arrivati, dopo cinque giorni di viaggio, utilizzando autobus, spesso camminando a piedi, erano esausti. Sono crollati sulla sedia e hanno dormito per ore”. E lì sono rimasti dal momento che la donna che si era detta disponibile a dare loro un alloggio si è tirata indietro.

La suora, dopo l’incredibile dietrofront, sta cercando di trovare loro un alloggio per un periodo più lungo, ma al momento non ha trovato nulla, e sta cercando di farli iscrivere all’Università. In Ucraina, infatti, erano al secondo anno. Micheal studia Economia, mentre Meshack faceva Medicina e aveva già sostenuto molti esami. “La loro casa è stata colpita dalle bombe e loro sono stati costretti a fuggire”, spiega Suor Anna. Originari di Benin City, entrambi hanno perso i genitori uccisi dai terroristi di Boko Haram. Poi il trasferimento in Ucraina, prima della guerra, per portare avanti i propri studi e ora l’arrivo in Italia. E a chi le chiede un commento su questa vicenda, la religiosa chiosa: “È lo spettro del razzismo. Che differenza c’è tra un ragazzo ucraino e un ragazzo nigeriano che vive in Ucraina? Sono entrambi esseri umani in fuga dalla stessa guerra. Speriamo che qualcuno li aiuti”.

LE ULTIME NOTIZIE SULLA GUERRA IN UCRAINA
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Covid, oggi 19.666 casi e 105 morti: il bollettino del 27 maggio 2022
Cronaca / Al ristorante senza pagare: “Siamo Casamonica”. Tre esponenti arrestati per estorsione
Cronaca / Lavoro h24: “Che il diritto salariale delle casalinghe sia fissato per legge”
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Covid, oggi 19.666 casi e 105 morti: il bollettino del 27 maggio 2022
Cronaca / Al ristorante senza pagare: “Siamo Casamonica”. Tre esponenti arrestati per estorsione
Cronaca / Lavoro h24: “Che il diritto salariale delle casalinghe sia fissato per legge”
Cronaca / Neonata ricoverata per emorragia cerebrale: risultata positiva alla cocaina
Cronaca / Vaiolo delle scimmie: ecco tutto quello che c’è da sapere
Cronaca / Rogo a Stromboli, Ambra Angiolini: “Sono qui a dare una mano, non è stata una notte facile”
Cronaca / Violante Guidotti Bentivoglio e la leucemia: “Salva grazie al midollo di un ragazzo di 19 anni”
Cronaca / Bnl scarica i disabili: così la banca di Telethon si disfa di 200 lavoratori fragili
Cronaca / Caracciolo a TPI: “A Est guardano la storia, noi l’abbiamo dimenticata. Biden? Pensa alle elezioni”
Cronaca / La colf fa causa a Gianluca Vacchi: “Costretta a ballare a tempo per i suoi Tik Tok altrimenti si arrabbiava”