Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 14:30
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cronaca

Padova, cantano Bella Ciao sul sagrato del Duomo, ma il prete li manda via: “Qui né rosso né nero”

Immagine di copertina

Padova, cantano “Bella ciao” sul sagrato del Duomo: il prete li allontana

Cantano “Bella ciao” sul sagrato del Duomo di Padova, ma il prete li allontana scatenando la reazione dei presenti. È quanto avvenuto lo scorso 22 maggio nel centro storico della città veneta.

In seguito a un accordo tra l’amministrazione comunale e la Diocesi, infatti, al fine di contrastare l’escalation di risse e spaccio tra giovanissimi, la chiesa mette a disposizione lo spazio antistante la cattedrale per dare vita a spettacoli e concerti organizzati dal comune.

Sabato sera, così, i Balkan Bazar, gruppo specializzato nella musica balcanica, si sono esibiti davanti il Duomo, ma quando hanno iniziato a intonare il brano “Bella ciao” sono stati interrotti da un sacerdote che si trovava nei paraggi.

“Qui, no – ha esclamato il prete interrompendo l’esibizione – Né rosso né nero, qui”. La performance, così, è stata stoppata anzitempo tra il disappunto dei presenti, che hanno levato anche qualche fischio all’indirizzo del sacerdote.

Sulla vicenda è intervenuta anche presidentessa dell’Anpi, Floriana Rizzetto, dichiarando: “Bella Ciao è un manifesto di libertà. Celebra il 25 aprile, la Liberazione, una festa nazionale che il gesto del prete del Duomo disconosce. Bella Ciao è una canzone popolare e non un inno politico. Bella Ciao appartiene agli italiani e non a un partito”.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Un’auto data alle fiamme, poi gli spari: banditi assaltano portavalori nel nord della Sardegna | VIDEO
Cronaca / Muore in un incidente il giorno prima della laurea: è giallo sulla morte di Riccardo
Cronaca / Covid, Galli: “Stop alla quarantena dopo cinque giorni? I non vaccinati restano contagiosi più a lungo”
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Un’auto data alle fiamme, poi gli spari: banditi assaltano portavalori nel nord della Sardegna | VIDEO
Cronaca / Muore in un incidente il giorno prima della laurea: è giallo sulla morte di Riccardo
Cronaca / Covid, Galli: “Stop alla quarantena dopo cinque giorni? I non vaccinati restano contagiosi più a lungo”
Cronaca / Puglia, disabile condannata a pagare 9.500 euro per un sit-in in sedia a rotelle
Cronaca / Genova, filonazismo e pedopornografia su Telegram: arrestati tre giovani
Cronaca / Caso Genovese, la vittima: “Corona voleva convincermi a raccontare tutto. Audio dell’incontro finito in tv”
Cronaca / “Mia figlia è stata violentata. State attenti”: la denuncia shock su Facebook
Cronaca / Sanità in crisi, madre chiede un prestito per curare la figlia: “Costretta a rivolgermi ai privati”
Cronaca / Rieti, 24enne scappa di casa e si suicida con la pistola del padre: gli avevano diagnosticato un principio di Sla
Cronaca / Alessia Pifferi, i dettagli shock dell’autopsia: trovati pezzi di pannolino nello stomaco della piccola Diana