Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 15:44
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cronaca

Padova, cantano Bella Ciao sul sagrato del Duomo, ma il prete li manda via: “Qui né rosso né nero”

Immagine di copertina

Padova, cantano “Bella ciao” sul sagrato del Duomo: il prete li allontana

Cantano “Bella ciao” sul sagrato del Duomo di Padova, ma il prete li allontana scatenando la reazione dei presenti. È quanto avvenuto lo scorso 22 maggio nel centro storico della città veneta.

In seguito a un accordo tra l’amministrazione comunale e la Diocesi, infatti, al fine di contrastare l’escalation di risse e spaccio tra giovanissimi, la chiesa mette a disposizione lo spazio antistante la cattedrale per dare vita a spettacoli e concerti organizzati dal comune.

Sabato sera, così, i Balkan Bazar, gruppo specializzato nella musica balcanica, si sono esibiti davanti il Duomo, ma quando hanno iniziato a intonare il brano “Bella ciao” sono stati interrotti da un sacerdote che si trovava nei paraggi.

“Qui, no – ha esclamato il prete interrompendo l’esibizione – Né rosso né nero, qui”. La performance, così, è stata stoppata anzitempo tra il disappunto dei presenti, che hanno levato anche qualche fischio all’indirizzo del sacerdote.

Sulla vicenda è intervenuta anche presidentessa dell’Anpi, Floriana Rizzetto, dichiarando: “Bella Ciao è un manifesto di libertà. Celebra il 25 aprile, la Liberazione, una festa nazionale che il gesto del prete del Duomo disconosce. Bella Ciao è una canzone popolare e non un inno politico. Bella Ciao appartiene agli italiani e non a un partito”.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Giubileo 2025, la sfida dell’accoglienza e il futuro globale di Roma
Roma / Roma, autobus in fiamme a Tor Sapienza: tre intossicati
Cronaca / Fedez contro Gramellini: “Di essere l’idolo della sinistra non mi frega un ca…”
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Giubileo 2025, la sfida dell’accoglienza e il futuro globale di Roma
Roma / Roma, autobus in fiamme a Tor Sapienza: tre intossicati
Cronaca / Fedez contro Gramellini: “Di essere l’idolo della sinistra non mi frega un ca…”
Cronaca / Giovani, precari e depressi: l’impatto delle disuguaglianze sulla salute mentale delle nuove generazioni
Cronaca / È uscito il nuovo numero di The Post Internazionale. Da oggi potete acquistare la copia digitale
Cronaca / Strage Suviana, trovati i corpi di due dispersi: salgono a cinque le vittime accertate
Cronaca / Meteo, temporali e grandine al Nord, temperature giù al Centro-Sud
Cronaca / Epidemia di morbillo in Italia, Bassetti: "Il peggio arriverà in estate"
Cronaca / Vincenzo, Mario, Pavel: chi sono i tre lavoratori morti nell’esplosione della centrale di Suviana
Cronaca / Enrico Varriale al processo per stalking: "Le ho dato uno schiaffo"