Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 00:02
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

Operai caduti da un’impalcatura in un cantiere a Roma: le vittime sono Paolo Pasquali e Stefano Fallone

Immagine di copertina

Operai morti in un cantiere a Roma: chi erano Paolo Pasquali e Stefano Fallone

Questa mattina, lunedì 20 luglio 2020, sono morti a Roma due operai dopo essere caduti da un’impalcatura nel cantiere di Vigna Murata dove stavano lavorando. Il fatto è avvenuto verso le 10.40 di oggi, mentre i due stavano tagliando una trave di cemento in piazza Lodovico Cerva. Le vittime sono Paolo Pasquali, di 29 anni, e Stefano Fallone di 53.

I due operai hanno fatto un volo di oltre venti metri, che è risultato fatale. Sul posto sono prontamente intervenuti, oltre ai vigili del fuoco, i poliziotti dei commissariati Tor Carbone ed Esposizione e la Polizia Scientifica. Intanto la Procura di Roma ha aperto un fascicolo per omicidio colposo. A dare l’allarme sono stati i passanti, che hanno chiamato il 112 per chiedere l’arrivo immediato dei soccorsi.

operai morti roma

Purtroppo gli uomini del 118, giunti sul luogo dell’incidente, non hanno potuto far altro che constatare il decesso dei due operai. Gli inquirenti, dopo l’apertura del fascicolo per omicidio colposo, dovranno chiarire se il tragico episodio si sarebbe potuto evitare e in particolare se sono state violate le norme di sicurezza. Le salme di Paolo Pasquali e Stefano Fallone sono state messe a disposizione dell’autorità giudiziaria.

“I due operai morti avevano l’imbracatura ma chi doveva verificare che fosse agganciata correttamente non lo ha fatto” ha dichiarato Gianni Lombardo, della Fillea Cgil. “Il lavoratore può anche commettere un errore, ma dev’esserci sempre qualcuno che sovrintende, un preposto o capo cantiere della ditta. Il problema della sicurezza in Italia è già noto ed importante che nasce dalla formazione e dai controlli. Due morti che si aggiungono a tutti gli altri: negli anni non è cambiato nulla, la crisi ha peggiorato la situazione”, ha aggiunto.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Sicurezza COVID-19 nelle scuole: un diritto per gli studenti, un dovere per le autorità sanitarie
Cronaca / Padre denuncia il figlio 16enne che aveva picchiato un compagno di scuola: “Dove abbiamo sbagliato?”
Cronaca / Covid, 2.697 casi e 70 morti nell'ultimo giorno, positività allo 0,4%. Nuovo record di tamponi: oltre 600mila
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Sicurezza COVID-19 nelle scuole: un diritto per gli studenti, un dovere per le autorità sanitarie
Cronaca / Padre denuncia il figlio 16enne che aveva picchiato un compagno di scuola: “Dove abbiamo sbagliato?”
Cronaca / Covid, 2.697 casi e 70 morti nell'ultimo giorno, positività allo 0,4%. Nuovo record di tamponi: oltre 600mila
Cronaca / Stangata su benzina e gasolio, i prezzi per un pieno volano e sono destinati ad aumentare ancora
Cronaca / Blitz contro le organizzazioni neonaziste in tutta Italia: 26 indagati
Cronaca / Covid, oggi 1.597 casi e 44 morti: tasso di positività allo 0,7%
Cronaca / Inchiesta mascherine, l'ex commissario all'emergenza Covid Arcuri indagato per abuso d’ufficio e peculato
Cronaca / Come può cambiare il virus nei prossimi mesi: ecco tutte le variabili
Cronaca / Sgomberati dalla Regione Lazio, i no green pass Barillari e Cunial chiedono asilo politico alla Svezia
Cronaca / Trieste: la polizia sgombera il varco 4 del porto, occupato dai manifestanti no green pass