Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 19:58
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cronaca

Operai caduti da un’impalcatura in un cantiere a Roma: le vittime sono Paolo Pasquali e Stefano Fallone

Immagine di copertina

Operai morti in un cantiere a Roma: chi erano Paolo Pasquali e Stefano Fallone

Questa mattina, lunedì 20 luglio 2020, sono morti a Roma due operai dopo essere caduti da un’impalcatura nel cantiere di Vigna Murata dove stavano lavorando. Il fatto è avvenuto verso le 10.40 di oggi, mentre i due stavano tagliando una trave di cemento in piazza Lodovico Cerva. Le vittime sono Paolo Pasquali, di 29 anni, e Stefano Fallone di 53.

I due operai hanno fatto un volo di oltre venti metri, che è risultato fatale. Sul posto sono prontamente intervenuti, oltre ai vigili del fuoco, i poliziotti dei commissariati Tor Carbone ed Esposizione e la Polizia Scientifica. Intanto la Procura di Roma ha aperto un fascicolo per omicidio colposo. A dare l’allarme sono stati i passanti, che hanno chiamato il 112 per chiedere l’arrivo immediato dei soccorsi.

operai morti roma

Purtroppo gli uomini del 118, giunti sul luogo dell’incidente, non hanno potuto far altro che constatare il decesso dei due operai. Gli inquirenti, dopo l’apertura del fascicolo per omicidio colposo, dovranno chiarire se il tragico episodio si sarebbe potuto evitare e in particolare se sono state violate le norme di sicurezza. Le salme di Paolo Pasquali e Stefano Fallone sono state messe a disposizione dell’autorità giudiziaria.

“I due operai morti avevano l’imbracatura ma chi doveva verificare che fosse agganciata correttamente non lo ha fatto” ha dichiarato Gianni Lombardo, della Fillea Cgil. “Il lavoratore può anche commettere un errore, ma dev’esserci sempre qualcuno che sovrintende, un preposto o capo cantiere della ditta. Il problema della sicurezza in Italia è già noto ed importante che nasce dalla formazione e dai controlli. Due morti che si aggiungono a tutti gli altri: negli anni non è cambiato nulla, la crisi ha peggiorato la situazione”, ha aggiunto.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Marco Luis (“il bodybuilder più pompato di sempre”) è morto a 46 anni per cause ignote
Cronaca / Armato a San Pietro: arrestato a Roma super ricercato
Cronaca / Come si entra nei Servizi segreti? Ecco il bando per nuovi 007
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Marco Luis (“il bodybuilder più pompato di sempre”) è morto a 46 anni per cause ignote
Cronaca / Armato a San Pietro: arrestato a Roma super ricercato
Cronaca / Come si entra nei Servizi segreti? Ecco il bando per nuovi 007
Cronaca / In 2 anni 32.500 posti in meno negli ospedali italiani
Cronaca / Desenzano del Garda, multato per aver pulito la spiaggia del lago: parte la colletta
Cronaca / Fa retromarcia e investe il figlio di un anno: il piccolo Matteo muore dopo due giorni di agonia
Cronaca / Sostenibilità ambientale, l’Italia il Paese più virtuoso in Europa con l’80% della produzione dell’acciaio derivante dal riciclo di metalli
Cronaca / Poliziotto sottoposto a un test psichiatrico per capire se fosse gay: condannato il Ministero
Cronaca / Milano, uccisero padre violento: fratelli condannati in appello bis
Cronaca / Mattia Giani, si indaga per omicidio colposo per il calciatore morto in campo