Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 17:39
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cronaca

“Può uccidere ancora”: il pm chiede la convalida dell’arresto per l’assessore leghista di Voghera

Immagine di copertina

Omicidio Voghera, pm chiede convalida arresto per assessore Adriatici

“Può uccidere ancora”: con questa motivazione il procuratore aggiunto di Pavia Mario Venditti e il pm Roberto Valli hanno chiesto al gip Maria Cristina Lapi la convalida dell’arresto e la conferma dei domiciliari per l’assessore di Voghera Massimo Adriatici, accusato dell’omicidio di Youns El Bossettaoui.

Nella richiesta di convalida al gip, depositata nella giornata di giovedì 22 luglio, e sulla quale il giudice per le indagini preliminari dovrebbe esprimersi oggi, venerdì 23 luglio, per Adriatici è confermato l’ipotesi di reato di omicidio colposo per eccesso di legittima difesa.

Prima di decidere se convalidare o meno l’arresto, il gip Maria Cristina Lapi ascolterà nuovamente l’indagato alla presenza dei suoi legali.

Il pm, chiedendo la convalida dell’arresto e la conferma dei domiciliari, ha ipotizzato il rischio di reiterazione del reato, oltre che la possibilità di inquinamento probatorio.

Nel frattempo l’inchiesta della procura procede attraverso varie perizie e accertamenti tecnici tra cui l’autopsia sul corpo della vittima che, al momento, non avrebbe fornito particolari indicazioni al medico legale.

Autopsia che ha scatenato le proteste dei familiari di Youns El Boussettaoui: i legali del padre e della sorella della vittima, infatti, hanno denunciato di non essere stati avvisati della fissazione dell’esame autoptico e di non aver potuto, quindi, partecipare coi propri consulenti.

“Una gravissima violazione del diritto di difesa. È stato detto che non aveva famiglia, ma non è vero. Tutti i suoi parenti sono cittadini italiani” hanno dichiarato i legali Debora Piazza e Marco Romagnoli.

Gli avvocati della famiglia di Youns El Boussettaoui, intanto, chiedono che Adriatici venga imputato per omicidio volontario: “Youns è stato ammazzato da un assassino, senza motivo. Il video mostra da un lato un soggetto claudicante e visibilmente smagrito che si confronta a mani nude con un ex agente di polizia armato. Le sagome spariscono dietro l’angolo, Adriatici si rialza e ricompare dopo due secondi, in quel momento il colpo è già partito e non c’era nessuna aggressione”.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Maria Giovanna Maglie ricoverata: “Sono in ospedale da due mesi, fatemi gli auguri”
Cronaca / Napoli, 13enne disabile picchiata da un gruppo di coetanei per un like a un ragazzo
Cronaca / Individuato il camionista che ha investito Davide Rebellin
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Maria Giovanna Maglie ricoverata: “Sono in ospedale da due mesi, fatemi gli auguri”
Cronaca / Napoli, 13enne disabile picchiata da un gruppo di coetanei per un like a un ragazzo
Cronaca / Individuato il camionista che ha investito Davide Rebellin
Cronaca / “I pediatri hanno troppi pazienti”: coppia non riesce a far visitare il figlio di 20 mesi con la febbre alta per una settimana
Cronaca / “Il lockdown lo ha cambiato”: le ombre sulla morte di Riccardo Faggin prima della sua (finta) laurea
Cronaca / Trento, lei vuole lasciarlo e lui tenta di strangolarla: arrestato un 40enne
Cronaca / Covid, la Corte costituzionale salva l’obbligo vaccinale: ricorsi inammissibili e non fondati
Cronaca / Costringono la sorella 15enne a prostituirsi per sfamare la famiglia in Romania: condannate
Cronaca / Allegri, l’ex compagna Claudia assolta: “Non spese per sé i soldi destinati al figlio”
Cronaca / “Addio piccola principessa”: è morta Caterina, la bimba nata dopo l’arresto cardiaco della mamma