Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 18:04
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Opinioni

Un assessore armato e un uomo disarmato. Indovinate chi ha torto secondo la Lega

Immagine di copertina
L'assessore leghista Massimo Adriatici e Youns El Boussettaoui

C’è un aspetto, sulla vicenda dell’assessore leghista e pistolero di Voghera che ha ucciso Youns El Boussetaoui, che vale la pena osservare con attenzione. Mentre la dinamica dei fatti verrà probabilmente chiarita dalle indagini e dai magistrati (ma di certo a uccidere non è stata “una pistola”, come orrendamente qualcuno prova a raccontare, perfino dalle parti della segreteria del Pd), la Lega, con tutta quella schiera di giornali di destra, ha subito messo in campo una narrazione che è razzista e disumana (senza bisogno di ulteriori approfondimenti).

Salvini e i suoi scherani provano a rendere giustificabile l’assassinio di una persona dipingendo la vittima come “un marocchino”, “un clandestino”, “un pregiudicato” per ottenere la disumanizzazione quanto basta per ritenerlo “altro” e quindi sacrificabile.

Badate bene, perfino la parola “vittima” è praticamente bandita nei racconti leghisti e di un bel pezzo di stampa destrorsa: Youns El Boussetaoui è morto perché era un poco di buono che importunava (forse) delle persone e quindi la sua fine in fondo se l’è andata a cercare.

La schiera di fan leghisti in queste ore ha già deciso che il ragazzo ucciso dovesse “stare in galera e non dentro una bara” e che, invece, non ci sia nulla di strano che un assessore a Voghera (mica a Bogotà) con la delega alla sicurezza vada in giro con una pistola carica e impugnata mentre passa davanti a un bar.

La tattica è sempre la stessa: cogliere nella vittima tutti gli elementi che possano renderla deprecabile e “diversa” (ovviamente senza nemmeno preoccuparsi di avere un riscontro) e darla in pasto ai propri elettori.

Non conosciamo le responsabilità precise sul cadavere di Youns El Boussetaoui ma vediamo chiaramente come Salvini e certa stampa se lo stiano mangiando in un allegro banchetto di razzisti, come sempre ignavi che imboccano i propri lettori ed elettori per trasformarli in sicari nel dibattito pubblico.

E forse qualcuno si potrebbe ricordare che la disumanizzazione è il passaggio obbligato che sta alla base dei peggiori crimini della storia. Perché poi questi sono gli stessi che strepitano se vengono chiamati per quello che sono: razzisti.

E oggi, invece, assistiamo a un’imponente narrazione razzista che sta riuscendo nella mirabile impresa di ritenere addirittura “necessaria” l’eliminazione fisica di una persona attraverso la giustizia sommaria di un uomo che dovrebbe rappresentare le istituzioni. E fa schifo. Fanno schifo.

Ti potrebbe interessare
Opinioni / Renzi vuole abolire il reddito di cittadinanza, ma lui non ha mai dovuto cercare un lavoro in vita sua (di L. Telese)
Opinioni / La pericolosa deriva degli ultras di Draghi: “Se cade Mario, vogliamo i militari”
Opinioni / I Giochi di Tokyo 2020 hanno segnato il trionfo definitivo del sexy sport (di C. Sabelli Fioretti)
Ti potrebbe interessare
Opinioni / Renzi vuole abolire il reddito di cittadinanza, ma lui non ha mai dovuto cercare un lavoro in vita sua (di L. Telese)
Opinioni / La pericolosa deriva degli ultras di Draghi: “Se cade Mario, vogliamo i militari”
Opinioni / I Giochi di Tokyo 2020 hanno segnato il trionfo definitivo del sexy sport (di C. Sabelli Fioretti)
Opinioni / Grazie Simone Biles per essere “crollata”: ci hai insegnato cos’è la vera forza
Opinioni / L'ultima sparata di Pillon: sopravvivere attaccati a un macchinario è "naturale" (di G. Cavalli)
Opinioni / Il piano Covid non c’è, le assunzioni neanche, rebus trasporti: il Governo dei Migliori si è dimenticato della scuola
Calcio / Lo sport più popolare al mondo è un pesce fuor d’acqua alle Olimpiadi
Cronaca / Altro che giovani sfaticati: il caso di Grafica Veneta dimostra che certi imprenditori cercano solo schiavi (di G. Cavalli)
Opinioni / Il tabù del potere e Draghi l’intoccabile: ci si indigna per chi lo critica ma si tace sui suoi errori politici (di L. Telese)
Opinioni / Morti suicidi il giorno della laurea: se l’Università insegna a competere e non ad essere felici