Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 22:09
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Opinioni

Un assessore armato e un uomo disarmato. Indovinate chi ha torto secondo la Lega

Immagine di copertina
L'assessore leghista Massimo Adriatici e Youns El Boussettaoui

C’è un aspetto, sulla vicenda dell’assessore leghista e pistolero di Voghera che ha ucciso Youns El Boussetaoui, che vale la pena osservare con attenzione. Mentre la dinamica dei fatti verrà probabilmente chiarita dalle indagini e dai magistrati (ma di certo a uccidere non è stata “una pistola”, come orrendamente qualcuno prova a raccontare, perfino dalle parti della segreteria del Pd), la Lega, con tutta quella schiera di giornali di destra, ha subito messo in campo una narrazione che è razzista e disumana (senza bisogno di ulteriori approfondimenti).

Salvini e i suoi scherani provano a rendere giustificabile l’assassinio di una persona dipingendo la vittima come “un marocchino”, “un clandestino”, “un pregiudicato” per ottenere la disumanizzazione quanto basta per ritenerlo “altro” e quindi sacrificabile.

Badate bene, perfino la parola “vittima” è praticamente bandita nei racconti leghisti e di un bel pezzo di stampa destrorsa: Youns El Boussetaoui è morto perché era un poco di buono che importunava (forse) delle persone e quindi la sua fine in fondo se l’è andata a cercare.

La schiera di fan leghisti in queste ore ha già deciso che il ragazzo ucciso dovesse “stare in galera e non dentro una bara” e che, invece, non ci sia nulla di strano che un assessore a Voghera (mica a Bogotà) con la delega alla sicurezza vada in giro con una pistola carica e impugnata mentre passa davanti a un bar.

La tattica è sempre la stessa: cogliere nella vittima tutti gli elementi che possano renderla deprecabile e “diversa” (ovviamente senza nemmeno preoccuparsi di avere un riscontro) e darla in pasto ai propri elettori.

Non conosciamo le responsabilità precise sul cadavere di Youns El Boussetaoui ma vediamo chiaramente come Salvini e certa stampa se lo stiano mangiando in un allegro banchetto di razzisti, come sempre ignavi che imboccano i propri lettori ed elettori per trasformarli in sicari nel dibattito pubblico.

E forse qualcuno si potrebbe ricordare che la disumanizzazione è il passaggio obbligato che sta alla base dei peggiori crimini della storia. Perché poi questi sono gli stessi che strepitano se vengono chiamati per quello che sono: razzisti.

E oggi, invece, assistiamo a un’imponente narrazione razzista che sta riuscendo nella mirabile impresa di ritenere addirittura “necessaria” l’eliminazione fisica di una persona attraverso la giustizia sommaria di un uomo che dovrebbe rappresentare le istituzioni. E fa schifo. Fanno schifo.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Alessia Pifferi è davvero l’unica colpevole della morte della figlia? (di F. Bubba)
Opinioni / Metterci a dieta è la miglior cosa che possiamo fare per noi e per l’ambiente
Opinioni / Quegli animali imprigionati nelle fabbriche della morte
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Alessia Pifferi è davvero l’unica colpevole della morte della figlia? (di F. Bubba)
Opinioni / Metterci a dieta è la miglior cosa che possiamo fare per noi e per l’ambiente
Opinioni / Quegli animali imprigionati nelle fabbriche della morte
Esteri / La mucca cinese di Xi Jinping attira consensi in Europa
Opinioni / Caro Marco Tarquinio, ci vorrebbe più rispetto per i valori fondamentali del PD
Opinioni / Israele e la guerra di Gaza. Fermare il massacro
Esteri / Tra Netanyahu e Biden ne resterà soltanto uno: ecco perché “Bibi” disobbedisce a Joe
Esteri / Il doppio standard è un male anche per Israele
Opinioni / I censuRAI dello Stato
Opinioni / Il cardinale Zuppi e Fabrizio Barca: “Mettere insieme giustizia sociale e ambientale”