Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 09:56
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cronaca

Omicidio Scagni, la telefonata dell’assassino al padre: “Sai dove si trova tua figlia?” Ma il 112 non intervenne

Immagine di copertina

Omicidio Scagni, la telefonata dell’assassino al padre: “Sai dove si trova tua figlia?” Ma il 112 non intervenne

Una sfilza di insulti e offese, culminate con la richiesta di sapere dove si trova la sorella. Così era andata la telefonata fatta al padre da Alberto Scagni, poche ore prima di uccidere la sorella Alice. Una conversazione che aveva spinto la famiglia ad allertare subito il 112, temendo per l’incolumità della figlia 35enne e del marito Gianluca Calzona. Alla richiesta di aiuto le autorità avrebbero però minimizzato, secondo il racconto fatto dai genitori, che hanno scelto di rivolgersi all’avvocato Fabio Anselmo, già legale di Ilaria Cucchi e dei genitori di Federico Aldrovandi.

“Stasera Gianluca e tua figlia sai dove sono? Sai dove cazzo sono?”, aveva detto Alberto lo scorso primo maggio, nell’audio diffuso dalla madre sui social. Da settimane il 42enne chiedeva insistentemente soldi ai familiari e in particolare alla sorella e dava segni crescenti di squilibrio mentale, già segnalati inutilmente alle autorità.

“Quando a due poliziotti ho detto ‘vi supplico, tenetelo sotto controllo’, mi hanno risposto “signo’, non facciamola tragica”, aveva detto la madre Antonella Zarri in un’intervista a La Repubblica, in cui sottolineava come le richieste di soldi fossero state solo “l’innesco”. “Mio figlio è epilettico, e in soggetti come lui la malattia psichiatrica può essere devastante”, aveva aggiunto nell’intervista in cui aveva ricordato la telefonata “davvero allarmante, in cui minacciava tutta la famiglia”. Nella chiamata al 112, i genitori avrebbero chiesto espressamente di controllare la via sotto la casa della figlia, dove poi sarebbe avvenuta la tragedia. “Ci hanno risposto che non avevano volanti da mandare”, aveva ricordato la madre. “Poi quando è morta c’erano trenta agenti a separarmi dal cadavere di Alice. Ecco che gli uomini li avevano trovati, ecco la vergogna”.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Omicidio Mollicone, la testimone: “Serena ha litigato con un ragazzo il giorno della scomparsa”
Cronaca / Montepulciano, 23enne morto sul lavoro: è stato colpito al petto da un tubo di ferro
Cronaca / Milano, abusi su bambine in una scuola materna: maestro arrestato
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Omicidio Mollicone, la testimone: “Serena ha litigato con un ragazzo il giorno della scomparsa”
Cronaca / Montepulciano, 23enne morto sul lavoro: è stato colpito al petto da un tubo di ferro
Cronaca / Milano, abusi su bambine in una scuola materna: maestro arrestato
Cronaca / Napoli, traghetto da Capri urta banchina: una trentina i feriti, uno in codice rosso
Cronaca / Marco Luis (“il bodybuilder più pompato di sempre”) è morto a 46 anni per cause ignote
Cronaca / Armato a San Pietro: arrestato a Roma super ricercato
Cronaca / Come si entra nei Servizi segreti? Ecco il bando per nuovi 007
Cronaca / In 2 anni 32.500 posti in meno negli ospedali italiani
Cronaca / Desenzano del Garda, multato per aver pulito la spiaggia del lago: parte la colletta
Cronaca / Fa retromarcia e investe il figlio di un anno: il piccolo Matteo muore dopo due giorni di agonia