Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 18:10
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cronaca

Omicidio Saman Abbas, il padre intercettato: “Ho ucciso mia figlia”

Immagine di copertina
Credit: Facebook

Omicidio Saman Abbas, il padre intercettato: “Ho ucciso mia figlia”

“Ho ucciso mia figlia”. Lo ha detto il padre di Saman Abbas in una telefonata intercettata poche settimane dopo la scomparsa della 18enne di Novellara avvenuta ad aprile 2021. La confessione è agli atti del processo per l’omicidio della ragazza pakistana, che si era opposta a un matrimonio combinato con un cugino. A Reggio Emilia saranno imputati tre dei cinque famigliari che secondo l’accusa hanno ucciso Saman e poi hanno nascosto il corpo, mai più ritrovato. Mancano ancora all’appello i genitori, la madre Nazia Shaheen e il padre Shabbar, che all’epoca della telefonata era già fuggito in Pakistan.

“Per me la dignità degli altri non è più importante della mia”, ha detto a un parente nella telefonata intercettata poco più di un mese dopo la scomparsa della figlia. “Io ho lasciato mio figlio in Italia”, ha continuato, facendo riferimento al fratello di Saman, ora affidato a una comunità protetta. “Ho ucciso mia figlia e sono venuto, non me ne frega nulla di nessuno”. Ai carabinieri, il parente ha dichiarato che il padre lo aveva chiamato per intimargli di non parlare di lui. “Io sono già rovinato, avete parlato di me in giro, non lascerò in pace la vostra famiglia”, aveva detto il latitante, nelle parole del parente. “Io sono già morto, l’ho uccisa io, l’ho uccisa per la mia dignità e per il mio onore. Noi l’abbiamo uccisa”, aveva aggiunto.

Il processo prenderà il via il prossimo 10 febbraio a Reggio Emilio e vedrà tra gli imputati lo zio Danish Hasnain e i due cugini Ikram Ijaz e Nomanhulaq Nomanhulaq, arrestati negli scorsi mesi in Francia e in Spagna. Hasnain è ritenuto la mente del progetto criminoso, definito dagli inquirenti “pazzesco”.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Gas, la Russia azzera le forniture all’Italia
Cronaca / Treviso, ruba tre auto e scappa: durante la fuga uccide un ciclista
Cronaca / Maltempo in Sicilia, trombe d’aria e fiumi di fango. Un autobus si ribalta
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Gas, la Russia azzera le forniture all’Italia
Cronaca / Treviso, ruba tre auto e scappa: durante la fuga uccide un ciclista
Cronaca / Maltempo in Sicilia, trombe d’aria e fiumi di fango. Un autobus si ribalta
Cronaca / Putin annette le regioni ucraine: “Saranno russe per sempre. Ora disposti a negoziare”
Cronaca / Carminati e Buzzi condannati in via definitiva: la Cassazione rigetta il ricorso
Cronaca / Abano Terme, 30enne accoltellato a morte: confessa la fidanzata
Cronaca / È uscito il nuovo numero del settimanale di The Post Internazionale. Da oggi potete acquistare la copia digitale
Cronaca / Scuola: algoritmo impazzisce e lascia i supplenti senza posto di lavoro
Cronaca / Svaligiato il ristorante dello chef Cannavacciuolo a Torino
Cronaca / Roma, professore taglia ciocca capelli a ragazza iraniana: “Non sostieni la protesta?”