Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 19:58
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

‘Ndrangheta, arrestati due uomini per l’investimento del boss Benestare: sono i nomi indicati dal giornalista Klaus Davi

Immagine di copertina

Due persone sono state arrestate dalla Squadra mobile di Reggio Calabria per l’investimento di Giorgio Benestare, detto Franco, indicato come già esponente di spicco della cosca ‘ndranghetista De Stefano-Tegano e cognato del boss Orazio De Stefano. Il boss era stato investito il 26 maggio nel quartiere di Archi, a Reggio Calabria, da un furgone Fiat Doblò bianco mentre percorreva a piedi via Croce Cimitero, riportando gravissime lesioni e finendo in prognosi riservata.

I due uomini arrestati, Emilio Molinetti e Marco Geria, entrambi 31enni, sono rispettivamente figlio e uomo di fiducia del boss Gino Molinetti, arrestato nell’operazione “Malefix”. Sono accusati di tentato omicidio, ricettazione e danneggiamento a mezzo incendio aggravati dall’agevolazione mafiosa. A disporre l’arresto un’ordinanza emessa dal gip su richiesta del procuratore Giovanni Bombardieri e dei pm della Dda Stefano Musolino e Walter Ignazitto. Secondo la Dda l’investimento è stato il risultato di un piano preordinato e programmato nel tempo.

Gli arresti hanno confermato l’ipotesi avanzata già all’inizio di giugno dal giornalista Klaus Davi, che cura per conto di TgCom24 la rubrica ‘Fatti e Misfatti-I Fuorilegge’. Il giornalista aveva indicato proprio in Emilio Molinetti uno dei due soggetti alla guida del furgone aveva dedicato una serie di articoli e post su Facebook alla vicenda, riuscendo  indicare poco dopo anche il secondo presunto autore del tentato omicidio, Marco Geria.

“La qualità del lavoro giornalistico paga”, ha commentato il giornalista. “Ringrazio il direttore Paolo Liguori per avermi dato fiducia in tutti questi anni. Siamo un piccolo programma, lavoriamo con umiltà e i risultati si vedono. Il giornalismo investigativo esiste! Nessuno in Calabria ci ha mai detto grazie per il lavoro che svolgiamo ma poco importa. La cosa importante, come dicevano Giovanni Falcone e Paolo Borsellino, sono i risultati”, ha concluso Davi.

Leggi anche: De Magistris: Sono stato fatto fuori da Palamara e dal suo sistema. Ora lo dice anche lui

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Covid, oggi 228.179 casi e 434 morti: tasso di positività al 15,4%
Cronaca / Lo studio: “Se tutti gli italiani si fossero vaccinati ci sarebbero stati 1.200 morti in meno”
Cronaca / Sassari, iniettata aria al posto dei vaccini: paura per 20 pazienti
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Covid, oggi 228.179 casi e 434 morti: tasso di positività al 15,4%
Cronaca / Lo studio: “Se tutti gli italiani si fossero vaccinati ci sarebbero stati 1.200 morti in meno”
Cronaca / Sassari, iniettata aria al posto dei vaccini: paura per 20 pazienti
Cronaca / Stretto di Messina, i no pass restano ancora bloccati (e spuntano gli scafisti)
Cronaca / Studentessa Usa denuncia stupro a Roma: “Bloccata per ore in un letto”
Cronaca / Beppe Grillo indagato a Milano per traffico di influenze illecite: nel mirino i contratti pubblicitari con la Moby
Cronaca / Francesca Amadori licenziata per le assenze ingiustificate: “Non lavorava da inizio dicembre”
Cronaca / Green pass, dalle tabaccherie alle librerie: dove è obbligatorio e dove no
Cronaca / Covid, oggi 83.403 casi e 287 morti: tasso di positività al 15,4%
Cronaca / Cani Violenti, un podcast di Piano P che racconta risse, pestaggi, incontri clandestini e lo spazio della ferocia nella provincia italiana