Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 18:48
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

Napoli, vuole lasciare lo spaccio e trasferirsi in un’altra città: 31enne cosparso di benzina e dato alle fiamme dai clan

Immagine di copertina

Napoli, vuole lasciare lo spaccio e trasferirsi in un’altra città: 31enne cosparso di benzina e dato alle fiamme dai clan

Cosparso di benzina e dato alle fiamme. È quanto accaduto a un 31enne di Napoli che voleva lasciarsi alle spalle lo spaccio di droga e trasferirsi in un’altra città, secondo l’ipotesi degli investigatori Direzione distrettuale antimafia (Dda) di Napoli.

Il ragazzo, sopravvissuto all’aggressione riportando escoriazioni e ustioni su gran parte del corpo, aveva inizialmente dichiarato ai medici di essere stato coinvolto in un incidente.

Secondo la Dda invece, dietro l’aggressione, ci sarebbe il tentativo di recuperare soldi legati al traffico di stupefacenti all’interno del rione Sanità ma anche quello di spegnere sul nascere qualsiasi pretesa di allontanarsi dall’organizzazione, come confermato anche da una stretta congiunta della vittima.

Al centro delle indagini ci sarebbe il clan Sequino legato al cartello dei Mazzarella e in particolare un uomo già noto alle forze dell’ordine, con precedenti per fatti di droga, sospettato di aver guidato la spedizione punitiva. Lo scorso 6 dicembre, il ragazzo sarebbe stato convocato con un pretesto dall’uomo sotto l’androne di un palazzo, dove sarebbe stato cosparso di benzina e poi incendiato.

“Voleva cambiare vita voleva solo chiudere con la droga: non voleva fare più il pusher, voleva solo immaginare un futuro diverso e lo hanno punito” ha detto a Il Mattino la potenziale testimone, vicina al ragazzo che nei giorni precedenti aveva cercato una sistemazione in un’altra città, per allontanarsi da Napoli. “Voleva solo un’altra possibilità, non voleva più saperne di certe storie”.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Sgarbi:”Per me Berlusconi non sa chi sia Marta Cartabia”
Cronaca / Covid, oggi 188.797 casi e 385 morti: tasso di positività al 17%
Cronaca / È uscito il nuovo numero del settimanale di The Post Internazionale. Da oggi potete acquistare la copia digitale
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Sgarbi:”Per me Berlusconi non sa chi sia Marta Cartabia”
Cronaca / Covid, oggi 188.797 casi e 385 morti: tasso di positività al 17%
Cronaca / È uscito il nuovo numero del settimanale di The Post Internazionale. Da oggi potete acquistare la copia digitale
Cronaca / Oristano, percepivano il reddito di cittadinanza senza averne i requisiti: 60 persone denunciate
Cronaca / Il governo apre alle Regioni: allo studio nuove regole per rendere meno probabile l’accesso alla zona rossa
Cronaca / Melandri si difende: “Sono un free vax, ognuno deve essere libero di scegliere il proprio destino” | VIDEO
Cronaca / Stupro di Capodanno, le intercettazioni shock: “Ce semo divertiti”, “Colpa della famiglia di lei”
Cronaca / Jacobs divorzia dall’agenzia di Fedez: scarsa promozione dell’immagine
Cronaca / Tenta la fuga dalla casa di riposo: 91enne muore dopo essersi calato con le lenzuola dalla stanza
Cronaca / Cassazione: “Rapina aggravata se con mascherina”. Ma il ladro protesta: “Era obbligatoria”