Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 15:50
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

Napoli, 43 operai segregati in un laboratorio senza finestre né bagno: arrestato imprenditore

Immagine di copertina

Tra loro una donna incinta e alcuni minorenni. I carabinieri, in seguito alle indagini che hanno portato all’arresto dell’imprenditore, hanno sequestrato l’intero locale

Napoli, 43 operai segregati in un laboratorio: arrestato imprenditore

Un imprenditore di Melito, in provincia di Napoli, è stato arrestato dai carabinieri del Nas con l’accusa di sfruttamento del lavoro, sequestro di persona e intermediazione illecita.

L’uomo, stando alle accuse, teneva 43 persone, fra cui anche una donna incinta e 2 minorenni, in condizioni disumane per 6 ore al giorno. Lavoratori in nero, segregati in un locale angusto, senza servizi igienici e finestre.

I 43 operai sarebbero tutti di nazionalità italiana. Le sanzioni per le violazioni sulle condizioni sanitarie e di sicurezza sul lavoro ammontano a 600mila euro.

I carabinieri, in seguito alle indagini che hanno portato all’arresto dell’imprenditore, hanno sequestrato l’intero locale, dove i lavoratori venivano obbligati a lavorare pellami per note firme di moda.

La struttura dove l’imprenditore avrebbe tenuto i 43 operai in queste condizioni si nascondeva dietro una porta blindata. Un secondo laboratorio segreto, dunque, adiacente a quello ufficiale.

Le attrezzature all’interno del laboratorio, secondo le stime degli investigatori, varrebbero circa 2,5 milioni di euro.

I carabinieri hanno comminato sanzioni per 600mila euro. “Ho sbagliato”, avrebbe detto l’imprenditore ai militari. L’arresto, ai domiciliari, è stato chiesto dalla Procura di Napoli Nord e convalidato dal giudice per le indagini preliminari.

Leggi anche:

“Faccio la commessa per 3,20€ l’ora, a nero e senza tutele: questa è l’Italia dei 30enni”

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Roberto Angelini, il musicista di Propaganda Live multato per lavoro nero: “Sono stato tradito da un’amica”
Cronaca / Gaza, Fedez: “Non mi schiero. Ma qual è la posizione del governo italiano davanti all’uccisione di bambini?”
Cronaca / “Ce lo chiede l’Europa di mangiare da schifo”: bufera sul servizio anti-Ue di Rai2
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Roberto Angelini, il musicista di Propaganda Live multato per lavoro nero: “Sono stato tradito da un’amica”
Cronaca / Gaza, Fedez: “Non mi schiero. Ma qual è la posizione del governo italiano davanti all’uccisione di bambini?”
Cronaca / “Ce lo chiede l’Europa di mangiare da schifo”: bufera sul servizio anti-Ue di Rai2
Costume / La Treccani elimina “cagna” e “zoccola” dai sinonimi di donna: il vero dramma è che finora li erano
Cronaca / Roma, branco di cinghiali aggredisce una signora e le ruba la spesa | VIDEO
Cronaca / Il curriculum dello studente “favorisce le disuguaglianze”: lo sostiene anche il presidente della Corte costituzionale
Cronaca / Firenze, prof all'alunna in Dad per infortunio: "Fatti portare a scuola o ti spezzo l’altra gamba"
Cronaca / Umbria, parroco e viceparroco lasciano la Chiesa: si sono innamorati di due donne
Cronaca / Sicilia e Sardegna verso il giallo. Valle d'Aosta in bilico
Cronaca / Primo studio sull'efficacia in Italia: "Contagi e casi gravi giù fino al 99 per cento"