Napoli, l’addetto Asl fa il tampone a casa senza mascherina né guanti

Di Selvaggia Lucarelli
Pubblicato il 17 Set. 2020 alle 11:53 Aggiornato il 17 Set. 2020 alle 13:24
440
Immagine di copertina

Palmira D. vive a Nola, in provincia di Napoli, ed è positiva al Coronavirus da 27 giorni. Naturalmente, viene sottoposta a tamponi di controllo regolarmente, in attesa che finalmente torni negativa. Nel mattino di oggi, giovedì 17 settembre, la Asl Napoli 3 Sud, distretto di Nola, le ha inviato un addetto all’effettuazione del tampone che si è presentato a casa sua così protetto: nessun guanto, nessuna mascherina, una tuta bianca abbassata sulla vita e t-shirt rossa sportiva. L’addetto, a dirla tutta, è anche un signore con i capelli bianchi, non proprio un ragazzo.

“Assurdo. Alla mia domanda sul perché della sua noncuranza riguardo le precauzioni non adottate mi ha sorriso ed è andato via”, racconta Palmira. La foto, scattata in casa durante l’operazione, è piuttosto emblematica. E ci si augura che la Asl coinvolta prenda provvedimenti, prima che De Luca arrivi col lanciafiamme.

Leggi anche: 1. Con il vaccino antinfluenzale è possibile dimezzare i ricoveri: tutti i dati che lo dimostrano / 2. “Io minacciata sul tram a Milano dopo aver chiesto a un passeggero di indossare la mascherina”: l’assurda storia di Valentina

3. Brianza, bambino fa tampone e va all’asilo prima dell’esito: positivo. Classe e famiglie in quarantena / 4. Ue, l’unione sanitaria è una buona notizia per l’Italia: ecco perché ci guadagniamo (di E. Serafini)

TUTTE LE ULTIME NOTIZIE SUL CORONAVIRUS IN ITALIA E NEL MONDO

CORONAVIRUS ULTIME NOTIZIE: TUTTI I NUMERI

440
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.